Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Cei. La Chiesa sia missionaria. «No all'eutanasia nel nostro ordinamento»

Da oggi a mercoledì il Consiglio permanente Cei. L'introduzione del vicepresidente Mario Meini: assumere la prospettiva di una ecologia integrale. Al nuovo governo: le attese della gente sono alte

È la “missionarietà” che si declina anche con l’assumere “la prospettiva di un’ecologia integrale – così come proposto dalla Laudato si’” la cifra dei lavori del Consiglio permanente della Conferenza episcopale italiana che ha iniziato oggi pomeriggio i lavori della sessione autunnale. Lo ha spiegato, introducendo l’incontro, il vicepresidente anziano della Cei, il vescovo di Fiesole Mario Meini.

Dopo aver espresso la congratulazioni a nome di tutti i vescovi all’arcivescovo Matteo Zuppi – membro del Consiglio Permanente -, che nel prossimo concistoro sarà creato cardinale da Papa Francesco, Meini ha illustrato l’ordine del giorno della riunione.

Innanzitutto gli Orientamenti pastorali del prossimo quinquennio, che – valorizzando l’Evangelii gaudium e il discorso del Pontefice alla Chiesa italiana in occasione del Convegno di Firenze – intendono focalizzare essenzialmente tre dimensioni: la gioia del Vangelo, la fraternità ecclesiale “secondo una sinodalità che, mentre riforma la stessa Chiesa, si rivela come modalità di relazione con tutti gli uomini” e infine il campo del mondo “ricco di potenzialità, che portano frutto nell’incontro con il seme del Vangelo”.

Meini sottolinea che il Consiglio Permanente riprenderà “quanto emerso dall'Assemblea Generale del maggio scorso, dove abbiamo messo in luce – anche grazie alla presenza di missionari – i punti essenziali attorno ai quali dar corpo a quella conversione
missionaria della vita e della pastorale, che ci viene indicata dall’Evangelii gaudium”.

In questo contesto il vescovo di Fiesole ricorda l’indizione da parte del Papa di un Ottobre missionario straordinario, che è un tempo di grazia “nella misura in cui sapremo farlo nostro”, nonché quella di un Sinodo speciale per la regione pan amazzonica che programmaticamente intende superare “l’ambito strettamente ecclesiale amazzonico, protendendosi verso la Chiesa universale e anche verso il futuro di tutto il pianeta”.

Nel corso dei lavori del Consiglio Permanente, spiega poi monsignor Meini, verranno presentati i Lineamenta delle prossime Settimane Sociali (programmate per il 2021 a Taranto), che “si inseriscono a pieno titolo nella denuncia di quanto un’economia, che non abbia riguardo per la sostenibilità sociale e ambientale, finisca per portare l’umanità nel baratro”.

Di qui la necessità di “assumere la prospettiva di un’ecologia integrale – così come proposto dalla Laudato si’ –“, che implica l’impegnarsi “in maniera corale per un’inversione di rotta, all’insegna di un nuovo equilibrio tra ambiente e lavoro, tra aspetto ecologico e aspetto sociale”. In questo quadro il vice-presidente della Cei ribadisce che i vescovi italiani uniscono la loro voce “a quella di tanti – a partire dalle associazioni laicali –“ per dire no “al tentativo di introdurre nell’ordinamento pratiche eutanasiche”. I cattolici italiani infatti sono “profondamente preoccupati rispetto alla possibilità di ammettere il suicidio assistito, promosso come un diritto da assicurare e come un’espressione della libertà del singolo”.

E con le parole pronunciate solo tre giorni fa da Papa Francesco, i vescovi della Penisola rimarcano che “si può e si deve respingere la tentazione – indotta anche da mutamenti legislativi – di usare la medicina per assecondare una possibile volontà di morte del malato, fornendo assistenza al suicidio o causandone direttamente la morte con l’eutanasia”.

Allo stesso modo i vescovi italiani ricordano la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato di domenica prossima: sarà occasione per mettere “in guardia dalla scorciatoia che vorrebbe ricondurre al fenomeno migratorio le paure e le insicurezze di un malessere civile, che in realtà muove da cause ben più profonde”.

Altri temi trattati nel Consiglio Permanente saranno l’evento promosso a Bari per il prossimo febbraio che “punta a costruire del Mediterraneo una diversa narrazione”, e poi la questione dei Tribunali ecclesiastici italiani in materia di nullità matrimoniale.

Nell’introduzione di monsignor Meini non è mancato un accenno alla formazione del nuovo Governo con l’invito a “chi si è assunto la responsabilità di dar vita a una nuova maggioranza” a non dimenticare “che le attese della gente sono alte e richiedono di essere riconosciute, interpretate e guidate con saggezza e concretezza”.

I lavori del Consiglio permanente, guidati dal cardinale presidente Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, proseguono fino a mercoledì. Giovedì 26 settembre, alle 12, presso la Sala Marconi di Palazzo Pio, è prevista la conferenza stampa del vescovo Stefano Russo, segretario generale della Cei, per presentare il Comunicato finale.

Gianni Cardinale

© Avvenire, lunedì 23 settembre 2019

Prossimi eventi