Arcivescovo

S.E. Giuseppe

Satriano

IN AGENDA

Francesco: a Bucha crudeltà sempre più orrende, si fermi la guerra

Il Papa, al termine dell'udienza generale, stigmatizza il "massacro" nella cittadina ucraina, a pochi chilometri da Kiev, da dove sono state diffuse fotografie e informazioni su cadaveri di civili per strada. Il Pontefice ribadisce l'appello a "fermare il rumore delle armi", poi mostra una bandiera arrivata proprio da Bucha e accoglie sul palco dell'Aula Paolo VI un gruppo di bambini giunti ieri dall'Ucraina: "È duro essere sradicati dalla propria terra"

Un “massacro” dinanzi al quale sale un grido al cielo: “Si metta fine a questa guerra, si facciano tacere le armi, si smetta di seminare morte e distruzione”. Francesco parla con tono grave in Aula Paolo VI. Davanti agli occhi ha le immagini degli oltre 70 cadaveri di civili sparpagliati per strada, con le mani legate dietro la schiena, a Bucha, cittadina ucraina a una sessantina di chilometri da Kiev, le cui foto sono state diffuse dalle autorità locali insieme alla denuncia di fosse comuni. Fotogrammi di orrore che hanno indignato il mondo e per i quali adesso da più parti si chiede di avviare indagini per “crimini di guerra”.

Nuove atrocità

Francesco parla di “massacro” al termine dell’udienza generale. “Le recenti notizie sulla guerra in Ucraina, anziché portare sollievo e speranza, attestano invece nuove atrocità, come il massacro di Bucha”, afferma.

Crudeltà sempre più orrende, compiute anche contro civili, donne e bambini inermi. Sono vittime il cui sangue innocente grida fino al Cielo e implora: “Si metta fine a questa guerra! Si facciano tacere le armi! Si smetta di seminare morte e distruzione!”.

Una bandiera da Bucha

Il Papa chiede ai fedeli di pregare per tutto questo e, con il capo chino, si raccoglie per qualche istante in silenzio. Poi si alza in piedi e mostra una bandiera dell'Ucraina, con i colori blu e giallo così sbiaditi da sembrare verdi. Sopra è disegnata una croce e intorno delle scritte in ucraino che ricordano la resistenza durante la rivoluzione di Maidan nel 2014: “Ieri, proprio da Bucha, mi hanno portato questa bandiera. Questa bandiera viene dalla guerra, proprio da quella città martoriata, Bucha”, dice.

Saluti e doni ai bambini  

Sul palco lo raggiungono alcuni bambini ucraini, accompagnati dai genitori. Il più piccolo è in braccio alla mamma, il più grande porta un disegno con delle mani bianche sopra i colori della bandiera ucraina e un cuore vicino la bandiera dell'Italia che li ha accolti. “Salutiamoli e preghiamo insieme con loro”, esorta Papa Francesco. E commenta:

“Questi bambini sono dovuti fuggire e arrivare a una terra straniera: questo è uno dei frutti della guerra. Non dimentichiamoli, e non dimentichiamo il popolo ucraino”.

Francesco piega la bandiera, dopo averla baciata e benedetta. Poi prende delle uova di Pasqua e le regala ai bambini. Carezze, mani sulla testa, un buffetto sulla guancia al piccolino, una foto tutti insieme. Gesti di tenerezza per chi ancora vive lo choc del rumore delle bombe e della fuga dalla propria casa.

"Duro essere sradicati dalla propria terra"

“È duro essere sradicati dalla propria terra per una guerra”.

Un inciso che il Pontefice pronuncia a braccio una volta seduto. Già nella conferenza stampa in aereo sul volo di ritorno da Malta, Papa Francesco aveva commentato la strage di Bucha, notizia di cui lo aveva messo al corrente un cronista. “Sempre la guerra è una crudeltà, una cosa inumana, che va contro lo spirito umano, non dico cristiano, umano”, aveva detto. “È lo spirito di Caino, lo spirito ‘cainista’”.

Il grazie ai polacchi

Con lo sguardo sempre all’Ucraina, Francesco ha ringraziato i fedeli polacchi - quelli presenti in Aula Paolo VI e quelli collegati tramite i media - per lo spirito di accoglienza dimostrato ai profughi ucraini. Quasi tre milioni, secondo le ultime stime. “Avete dimostrato una generosità straordinaria ed esemplare verso i nostri fratelli ucraini, per i quali avete aperto i cuori e le porte delle vostre case”, dice. “Grazie, grazie tante per questo che voi avete fatto con gli ucraini!”. Infine una benedizione: “Il Signore benedica la vostra patria per questa vostra solidarietà e vi mostri il Suo Volto”.

Salvatore Cernuzio - Città del Vaticano

© www.vaticannews.va, mercoledì 6 aprile 2022

Prossimi eventi