Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

La Quaresima di Joseph

L'udienza del mercoledì. Poi le Ceneri, in San Pietro, per permettere a chi lo desidera di stringersi in preghiera con il Pontefice. Ratzinger comincia così l'ultimo mese da Papa.

Avanti come sempre. Almeno fino alle 20 del 28 febbraio. Papa Benedetto XVI onora tutti gli impegni presi fino al momento in cui lui stesso stesso ha deciso di porre fine al suo pontificato. Come ha ribadito padre Federico Lombardi, direttore della Sala stampa della Santa Sede, «fino al 28 febbraio Benedetto XVI è il nostro Papa». Confermata l'udienza generale di oggi, mercoledì 13 febbraio; stesso orario (inizio alle 10,30), stesso posto (l'aula Paolo VI).

Confermate anche le “visite ad limina” in calendario fino a quella data, le visite dei presidenti già in programma (come quelli della Romania e del Guatemala), e l’incontro con un gruppo di vescovi italiani. Come di consueto, inoltre, nella settimana degli esercizi spirituali cui partecipa il Papa (dal 17 al 23 febbraio) sono sospesi tutti gli impegni del Pontefice. L’unica novità, annunciata dalla Sala stampa vaticana, è la cerimonia delle Ceneri (comincia alle 17,30), spostata nella basilica di San Pietro in luogo della “classica” stazione quaresimale all’Aventino. «È l’ultima grande celebrazione in San Pietro del Santo Padre», ha commentato il portavoce vaticano, spiegando che lo spostamento è dovuto al fatto che «nella basilica vaticana c’è molto più spazio, visto che si attendono molti fedeli unitamente alla gran parte dei cardinali e dei vescovi presenti nei giorni scorsi al Concistoro”.

L'ultima udienza generale di Benedetto XVI sarà mercoledì 27 febbraio, in piazza San Pietro. Quando Benedetto XVI lascerà sarà distrutto l'anello del Pescatore, quello che simboleggia che è il successore di Pietro, come accade quando il Pontefice muore. Nessuna certezza, invece, su come verrà chiamato: non cardinale, forse vescovo emerito di Roma, ha detto padre Federico Lombardi. Sicuramente i Papa riceverà il presidente Giorgio Napolitano in un'udienza di commiato. Lo ha riferito la Radio Vaticana sulla base di quanto detto dal segretario di Stato Vaticano, il cardinale Tarcisio Bertone, durante i colloqui per i Patti Lateranensi all'ambasciata d'Italia presso la Santa Sede.

Alberto Chiara
 
© Famiglia Cristiana, 13 febbraio 2013
 
Foto: Ansa
Prossimi eventi