Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

«Odio la Chiesa». Il vescovo: «Aiutami a renderla più bella»

Il vescovo di Andria, Luigi Mansi, con una riflessione commovente, risponde all’autore della scritta lasciata sulle mura della Casa d’accoglienza della diocesi. «Se mi dici che vuoi una Chiesa più libera dal potere e più vicina agli ultimi ti capisco. Però hai messo la tua scritta su un luogo dove la Chiesa si fa madre e accoglie i poveri. Vieni da me e aiutami a costruire la Chiesa che insieme sogniamo»

Il 22 ottobre scorso, sulle mura della Casa di accoglienza "S. Maria Goretti" di Andria, in via Quarti, è comparso una scritta con la frase: "Odio la Chiesa". Non si sa chi sia l’autore. Il vescovo, monsignor Luigi Mansi, non ha voluto far cadere la provocazione e sul sito della diocesi ha pubblicato una riflessione toccante che è anche un segno concreto di una chiesa che non si arrocca ma cerca il dialogo anche con i lontani o, in questo caso, i delusi. «Non posso nascondere il mio rammarico, dovuto al fatto che io sono il Vescovo e quindi il Pastore della Chiesa di Andria, mi chiedo: sarà un battezzato?», scrive Mansi. «Se sì, allora, il rammarico è ancora più forte, perché si tratta di un figlio che odia sua madre e la sua casa».

Poi prosegue: «Nella riflessione che voglio fare mi vengono in aiuto, profondamente illuminanti, alcune parole del cardinale Walter Kasper: "Giovanni XXIIII nel suo celebre discorso di apertura del concilio Vaticano II ha parlato del futuro con un ottimismo che oggi ci sembra quasi ingenuo ed ha promesso alla Chiesa una nuova pentecoste. Dopo questa fase, relativamente breve, di fioritura, la Chiesa ha tuttavia ripreso ad aver paura del suo proprio coraggio. Si ha ora di nuovo paura del rischio, che libertà e futuro comportano, e ci si è votati in larga parte ad un'opera di conservazione e di restaurazione Tuttavia se la Chiesa diventa l'asilo di quanti cercano riposo e riparo nel passato, non deve meravigliarsi se i giovani le voltano le spalle, e cercano il futuro presso ideologie e utopie di salvezza, che promettono di riempire il vuoto che la paura della Chiesa ha lasciato libero". Parole certamente dure, nette, vere».

La Casa Santa Maria Goretti, che si trova nel centro storico di Andria, accoglie migranti, senza tetto, persone bisognose e in difficoltà, poveri e offre diversi servizi: dalla mensa della carità al servizio indumenti e docce, dallo sportello per l’assistenza legale al Centro di ascolto fino alla distribuzione dei pasti caldi a domicilio.

Hai posto la tua scritta su un luogo dove la Chiesa esercita la sua maternità

Mons. Mansi si rivolge direttamente all’autore della scritta: «Non so chi è l'autore di quella scritta: "odio la Chiesa" ma sento che si tratta di un fratello e figlio nella fede, con il quale desidero sedermi accanto per dialogare e magari aiutarlo a conoscere di più la Chiesa, per amarla in tutta verità. E in un dialogo fraterno e amicale, gli porrei subito queste domande. E vorrei dirgli: "Perché odi la Chiesa? Cosa ti ha fatto? O quale tipo di chiesa hai conosciuto o conosci? Questo perché, se noi uomini di Chiesa, ti abbiamo deluso o scandalizzato, per qualche nostro comportamento, non conforme alla Parola di Dio che annunciamo, aiutaci a cambiare, se veramente vuoi lanciarci un messaggio e non semplicemente nasconderti dietro uno slogan. Ti chiedo ancora: quanto hai scritto lo dici da te stesso o sono gli ambienti che frequenti che te l'hanno suggerito o insegnato? La Chiesa, sia quella istituzionale come anche l'intero Popolo di Dio è una Madre, ama come un madre, agisce come madre». E prosegue: «Se mi dici che odi la Chiesa che odora di incenso e che si identifica solo con il culto, anche io sono d'accordo con te, anche se non parlerei di odio. La parola è troppo brutta per un cristiano. Se mi dici che vuoi la Chiesa libera da ogni compromesso con il potere, sono anche io d'accordo con te. Se mi dici che non vuoi una chiesa più presente nella vita delle persone, capace di accendere di speranza l'umanità, soprattutto quella che soffre ed è ai margini della considerazione umana ed ecclesiale, allora capisco cosa c'è dietro quella scritta. Ti invito a non essere miope a tal punto da non accorgerti, che quella scritta l'hai posta su un luogo dove la Chiesa esercita la sua maternità, verso i più poveri: i migranti, ma non solo questi ultimi, famiglie andriesi in difficoltà, anziani, persone sole e mandati via di casa, ragazze madri, donne abbandonate, papà separati, gente che nessuno più vuole… E tutto questo lo fa con la gratuità del cuore e con il contributo gratuito e volontario di tante persone, che senza ribalta e nel silenzio, "vengono a dare una mano"».

Poi chiede ancora il vescovo: «Mi sai dire se nella tua vita hai conosciuto istituzioni o organismi che servono la promozione dell'uomo con gratuità, senza ricavarne alcun utile? Noi come Chiesa non volgiamo fare altro che servire l'uomo con la larghezza e l'abbondanza d'amore di Dio».

La conclusione è quella di un pastore sollecito: «Se condividi queste mie riflessioni», scrive il Vescovo, «allora cancella prima dal tuo cuore e poi dalle mura di Casa Accoglienza il tuo odio per la Chiesa, e vieni da me e aiutami a costruire la Chiesa che insieme sogniamo. Ti benedico».

Antonio Sanfrancesco

© Famigliacristiana.it, 28 ottobre 2016

Prossimi eventi