Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Rispetto per i giovani e per ciò che il Papa dice

A proposito di incredibili concetti e frasi attribuiti a Benedetto XVI

Per fare cronaca non basta saper scrivere, bisognerebbe saper leggere. Leggere quel che davvero è scritto, non ciò che ci piacerebbe fosse scritto. Magari per 'fare titolo'. E prima ancora per sparare delle belle virgolette: ipse dixit, l’ha detto proprio lui e proprio in quei termini testuali.

Peccato che a volte queste virgolette siano un colpo di pennarello per conferire (falsa) autorevolezza a parole mai dette da alcuno. Com’è successo ieri addirittura al Papa e al suo Messaggio per la XXVI Gmg dell’anno prossimo a Madrid. Benedetto XVI accenna alla «domanda del posto di lavoro» e di un «terreno sicuro sotto i piedi». Sottolinea che «è un problema grande e pressante» e aggiunge che « allo stesso tempo la gioventù rimane comunque l’età in cui si è alla ricerca della vita più grande».  Allo stesso tempo. Tra virgolette.

Poi apriamo i quotidiani e restiamo storditi. Un giornale romano fa dire al Papa, nel titolo, tra virgolette: «Il posto fisso non fa la felicità, meglio credere in Dio». Chiaro? Dio contrapposto al posto di lavoro, e quel «meglio» al posto di «allo stesso tempo». Una manipolazione pesante.

Un altro quotidiano romano, nell’attacco del suo vaticanista, mette tra virgolette parole che il Papa non ha mai scritto: «I giovani, prima di pensare al posto di lavoro fisso, è bene che riscoprano la fede in Dio e i valori del Vangelo». Nel titolo, altre virgolette di fantasia: «La fede viene prima del posto fisso». Significativa anche la scelta del principale quotidiano milanese. Titolo, senza virgolette: «Il Papa ai ragazzi: il posto fisso non è tutto, cercate Dio». Il lavoro come «problema grande e pressante» scompare. E il Messaggio viene spacciato come un invito alla precarietà.

Packard più di mezzo secolo fa denunciava i «persuasori occulti». Oggi è l’epoca dei dissuasori palesi, che magari sanno scrivere meglio di chiunque altro, ma hanno dei problemi con la lettura. Come certi studenti delle medie: la comprensione del testo, colleghi. E rispetto: dei giovani, delle loro attese, della loro intelligenza e – se non vi dispiace – di ciò che il Papa in un mondo sufficiente e ostile sa dire loro.

 
Marco Tarquinio
© Avvenire, 5 settembre 2010
Prossimi eventi