Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Settimana Liturgica Nazionale. Seconda giornata venerdì 28 agosto

Il filo conduttore della mattinata sarà il richiamo alla tematica del Congresso Eucaristico Nazionale tenutosi a Bari nel 2005: "Senza la Domenica non possiamo vivere".

Venerdì 28 agosto. Siamo alla seconda giornata della Settimana Liturgica Nazionale.

Dopo la Celebrazione Eucaristica in Cattedrale alle 8.30 presieduta da Mons. Felice Di Molfetta, Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano, i lavori proseguono presso il teatro Petruzzelli a partire dalle ore 10.00.

Il filo conduttore della mattinata sarà il richiamo alla tematica del Congresso Eucaristico Nazionale tenutosi a Bari nel 2005: Senza la Domenica non possiamo vivere.

Dalla Domenica, giorno memoriale delle nozze di Cristo-Sposo con la Chiesa-Sposa, la Famiglia può continuamente attingere la forza dello Spirito, linfa d’amore che la sostiene e che scorre nella liturgia del quotidiano, per essere se stessa in tutta la sua verità e bellezza.

Gli insegnamenti del Concilio Vaticano II e del magistero post conciliare hanno aiutato a riscoprire sempre più il rapporto intrinseco che collega la nuzialità all’Eucaristia. L’Eucaristia, in quanto memoriale della Pasqua di morte e risurrezione di Gesù, è il sacramento dell’amore sponsale del Cristo-Sposo che ama e si dona alla Chiesa sua Sposa ed è il luogo dell’effusione instancabile di questo amore, nella forza dello Spirito santo, a coloro che partecipano alla mensa eucaristica. E la Domenica è il tempo sacramentale nel quale Cristo risorto si rende presente in mezzo ai suoi discepoli e partecipa ad essi il soffio del suo Spirito, per essere anche loro, risorti con lui, immersi nella vita nuova, uomini e donne nuovi sulle strade del mondo.

Sarà questa la tematica che svilupperà don Giorgio Mazzanti, docente di sacramentaria presso la Pontificia Università Urbaniana nella sua relazione L’incontro nuziale e fecondo di Cristo con la Chiesa.

Il rapporto Eucaristia-Famiglia rimanda inevitabilmente al rapporto mistagogico celebrazione e vita: la famiglia, valorizzando la partecipazione all’assemblea eucaristica domenicale può modellarsi come comunità-Chiesa domestica che sperimenta la gioia nuziale e celebra la festa della comunione. A partire dal rito della celebrazione eucaristica e di quella nuziale saremo condotti a riflettere su alcune problematiche e nodi pastorali inerenti dinamiche coniugali e familiari: dalla Parola che convoca alla fatica del dialogo, dalla Mensa che raduna alla difficile ricerca di tempi e spazi per incontrarsi, dal ripiegamento su se stessi alla spinta missionaria di una Chiesa domestica “in uscita” (a cui richiama continuamente Papa Francesco). Aiuterà in questa riflessione don Silvano Sirboni, Liturgista e Parroco, nel suo intervento Dai segni della liturgia nuziale alle dinamiche della vita matrimoniale.

I lavori riprendono nel pomeriggio alle ore 17.00 con il coinvolgimento di alcuni Uffici della Conferenza Episcopale Italiana ai quali sarà affidata l’animazione di quattro gruppi di interesse che si terranno in quattro parrocchie del centro della nostra città. A loro sono stati affidati i quattro verbi della Cena eucaristica legandoli a quattro tempi importanti della vita della coppia: “prese il pane” - il tempo del fidanzamento - con don Michele Falabretti, responsabile del Servizio nazionale per la pastorale giovanile (presso la parrocchia San Giuseppe); “rese grazie” - il tempo del matrimonio - con don Franco Magnani, direttore dell’Ufficio liturgico nazionale (presso la parrocchia Sacro Cuore); “lo spezzò” - il tempo della prova - con don Paolo Gentili, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale della famiglia (presso la parrocchia Cattedrale); “lo diede loro”- il tempo dell’educazione - con mons. Paolo Sartor, direttore dell’Ufficio catechistico nazionale (presso la parrocchia Santa Croce). I tempi richiamati rimandano ad ambiti d’interesse e riflessione perché la storia quotidiana della coppia e della famiglia con le sue gioie e le sue difficoltà si apra ad una vera spiritualità eucaristica e l’Eucaristia, varcando i confini del luogo sacro, possa raggiungere le mura domestiche e trasfigurare i luoghi del quotidiano.

La giornata si conclude presso la Basilica San Nicola di Bari dove, alle 21.30, sarà presentato il Concerto-Meditazione Nikolaos. Tra Oriente e Occidente realizzato dalla Fondazione Frammenti di Luce con la partecipazione dell’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana di Bari.

Accedi alla cartella con tutte le relazioni (in continuo aggiornamento), clicca qui

Prossimi eventi