Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Uno di noi

Iniziativa dei cittadini europei

La possibilità di farsi veramente sentire dall'Europa è divenuta concreta dopo l'entrata in vigore del Trattato di Lisbona. Esso prevede che almeno un milione di cittadini europei appartenenti ad almeno sette Stati possano ottenere una discussione con la loro partecipazione dinanzi alle istituzioni europee.

Il 1° aprile, primo giorno in cui era giuridicamente possibile proporre la richiesta, è stata presentata la domanda affinché ogni essere umano sia riconosciuto come "uno di noi" fin dal concepimento in ogni azione svolta direttamente dall'Unione europea.

Ma il vero miracolo era accaduto il 29 marzo a Bruxelles, quando, in una aula del Parlamento europeo, più di trenta movimenti per la vita in rappresentanza di 21 Paesi dell'Unione europea, si sono riuniti ed hanno formalmente costituito il Comitato promotore dell'Iniziativa europea.

La proposta che i pro life fanno, attraverso il quesito che sarà sottoposto all'adesione popolare, è di estendere"la protezione giuridica della dignità, del diritto alla vita e dell'integrità di ogni essere umano fin dal concepimento in tutte le aree di competenza della Ue".

In particolare si chiede alla Ue di porre fine al finanziamento di attività che presuppongono la distruzione di embrioni umani nei settori della ricerca, nei programmi di riduzione delle nascite e nella pratiche di sanità pubblica che presuppongono la violazione del diritto alla vita.

Leggi il testo del quesito

 

L'Appello

 

In conformità alla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo

noi crediamo che la dignità sempre egualmente grande di ogni essere umano sia il fondamento della giustizia, della libertà, della democrazia e della pace.

Noi crediamo, perciò, che tale dignità, con i diritti che ne derivano,  debba essere riconosciuta senza alcuna discriminazione dal primo inizio della vita umana  nel concepimento fino alla morte naturale.

Noi crediamo che l’unità europea debba ritrovare motivazione e slancio recuperando la sua anima che affonda le radici nell'umanesimo che, fecondato dal cristianesimo, ha gradualmente costruito una visione della società che pone al centro la persona umana: ogni persona nella sua incomparabile dignità.

Noi crediamo che questo moto storico, che ha già vinto ogni dottrina di oppressione sull'uomo, che ha già liberato intere categorie di uomini dalla discriminazione, debba ora raggiungere la sua perfezione riconoscendo come “uno di noi” anche ogni singolo essere umano all'inizio della sua vita, quando, appena concepito, attraversa la condizione della più estrema fragilità umana.

Noi crediamo che un vero unitario popolo europeo possa emergere nell'aderire ampiamente a questa visione.

Noi crediamo che l'Unione europea, nelle azioni che essa attua al suo interno e nel mondo, applichi coerentemente questo principio.

Per questo chiediamo a tutti i cittadini dell'Unione europea (Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Regno Unito e Ungheria) di esprimere la loro adesione alla iniziativa denominata “UNO DI NOI” promossa in applicazione del trattato di Lisbona che ha inteso mettere a disposizione dei popoli una nuova forma di democrazia partecipata.

Il Comitato organizzatore

Per saperne di più, clicca qui

 

La raccolta di adesioni

La raccolta di firme può essere effettuata in due modi diversi. Importante è ricordare che si può firmare una sola volta, quale che sia la modalità prescelta:

Modalità su carta. Il primo, più tradizionale, prevede la compilazione a mano di un modulo che si può scaricare e stampare o richiedere al comitato italiano.
I moduli compilati dovranno essere inviati al più presto possibile e comunque non oltre il 1 febbraio 2013, alla sede del Comitato italiana. Scarica il modulo

Modalità on line. Il secondo, più innovativo, prevede la firma on line sul sito predisposto a livello europeo. Ma a causa dei ritardi da parte della Commissione europea e delle autorità italiane che ancora non hanno predisposto il regolamento di verifica ed abilitazione dei siti destinati alla raccolta delle firme, ancora non è possibile completare la propria adesione.

È possibile però iscriversi attraverso il form sottostante. Sarete ricontattati appena possibile per perfezionare la vostra firma. Iscriviti.

______________

Comitato promotore

c/o Movimento per la Vita Italiano
L.Tevere dei Vallati 2, 00186 Rome (Italy)
+39.06.6830.1121 || fax +39.06.686.5725 || info@oneofus.eu || www.oneofus.eu

 

In basso, l'indirizzo del profilo Facebook del Forum di Puglia.

Il suo utilizzo e la sua diffusione, sono finalizzati alla divulgazione di una cultura di sostegno alla famiglia.

Cliccando " mi piace" potete avere la possibilità di postare commenti, foto, articoli, ...:e di farli girare
http://www.facebook.com/pages/Forum-delle-Associazioni-Familiari-della-Puglia/190189211081824

Si ricorda inoltre che
www.forumfamigliepuglia.org è l'indirizzo del sito ufficiale del Forum di Puglia.

Prossimi eventi