Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

“Cercate di essere veramente giusti” (Dt 16,18-20)

Viviamo, quest’anno, la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani (18-25 gennaio) con una consapevolezza rinnovata e con il cuore riscaldato dalla Grazia dell’incontro ecumenico del 7 luglio scorso tra papa Francesco e i Patriarchi e i Capi delle Chiese del Medio Oriente

Per noi della diocesi di Bari-Bitonto ancor di più vale quel motto divenuto il titolo di un recente libro rivolto a tutti i cristiani: «Non possiamo non dirci ecumenici». Identità, vocazione, responsabilità ecumenica: tre parole che ci stanno accompagnando da diversi mesi, chiamate ad incarnarsi nella nostra spiritualità cristiana quotidiana. La Settimana di Preghiera è quel momento in cui l’intercessione personale quotidiana per l’unità della Chiesa si manifesta pubblicamente insieme ai fratelli cristiani delle altre confessioni presenti sul nostro territorio. Quest’anno, come porzione di popolo di Dio, la Settimana sarà un prolungamento spirituale della preghiera avvenuta in luglio scorso. Ora, come allora, la nostra coscienza cristiana prenderà parte alla stessa preghiera che si eleverà in tutto il mondo per invocare da Dio il dono della riconciliazione tra i cristiani.

Il tema, proposto quest’anno dai cristiani di Indonesia, richiama un versetto del libro del Deuteronomio: «Cercate di essere veramente giusti» (Dt 16,18-20). In una società spesso segnata da parzialità e soprusi, i cristiani si pongono come segno di contraddizione nel momento in cui testimoniano scelte di giustizia e di onestà. Ma a quale giustizia, in particolare, si riferisce l’autore del libro del Deuteronomio? Il testo in questione fa riferimento a “non avere riguardi personali” (cf. Dt 16,19). Nel momento in cui Israele è chiamato a celebrare le lodi del Signore per la Festa delle Settimane o la Festa delle Capanne, le indicazioni che vengono date sono queste: «In quell’occasione farete festa voi, i vostri figli e le figlie, i vostri schiavi e le schiave, i leviti, i forestieri, gli orfani e le vedove che abiteranno nelle vostre città» (Dt 16,14).

In una società, come quella antica, fortemente segnata da classi sociali nettamente stabilite, la giustizia dinanzi a Dio si manifesta nella comunione e nell’uguaglianza. Uguaglianza di dignità con la propria famiglia, con chi vive una situazione di schiavitù, con chi è preposto ad un ministero, con chi è straniero, con chi si trova in una situazione di povertà e di emarginazione. Con l’avvento del Regno di Dio, manifestatosi in Gesù Cristo, quella comunione che si esprimeva unicamente nei momenti di festa, diviene esperienza quotidiana. «Non c’è più giudeo né greco; non c’è più schiavo né libero; non c’è più uomo né donna, poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù» (Gal 3,28).

L’unità che ci viene donata in Cristo Gesù si manifesta in una situazione di giustizia, di comunione e di uguaglianza nella dignità dinanzi a Dio. Per questo chi si adopera per la giustizia, contribuisce al cammino di riconciliazione della Chiesa e del genere umano.

Non dobbiamo dimenticare che è proprio sulle ingiustizie che si perpetuano in Medio Oriente che è maturato l’incontro ecumenico di Bari, per manifestare l’unità della Chiesa nel prendere posizione su quella drammatica situazione. Come affermava il Santo Padre: «L’indifferenza uccide, e noi vogliamo essere voce che contrasta l’omicidio dell’indifferenza. Vogliamo dare voce a chi non ha voce, a chi può solo inghiottire lacrime, perché il Medio Oriente oggi piange, soffre e tace, mentre altri lo calpestano in cerca di potere e ricchezze» (dalla Monizione introduttiva di papa Francesco a Bari, 7 luglio 2018).

Tutti i cristiani, dunque, uniscono la propria voce per contrastare l’indifferenza e le ingiustizie. Anche noi, cristiani presenti nel territorio della nostra diocesi, vogliamo anzitutto impegnare noi stessi e poi gridare insieme ciò che scegliamo e ciò che rifiutiamo: «Basta ai tornaconti di pochi sulla pelle di molti! Basta alle occupazioni di terre che lacerano i popoli! Basta al prevalere delle verità di parte sulle speranze della gente!» (dal Messaggio finale di papa Francesco a Bari). La Settimana di Preghiera sarà occasione per chiedere a Dio, tutti insieme, su cosa si deve volgere il nostro impegno di giustizia e questo ci vedrà più uniti come fratelli e sorelle, perché «quando si tendono le mani al cielo in preghiera e quando si tende la mano al fratello senza cercare il proprio interesse, arde e risplende il fuoco dello Spirito, Spirito di unità, Spirito di pace» (dalla Monizione introduttiva di Papa Francesco a Bari).

 

Sac. Alfredo Gabrielli

Vice-direttore Ufficio Ecumenico

Prossimi eventi