Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Alcune indicazione circa le prime comunioni

In seguito ad alcune richieste di chiarimento pervenute all’Ufficio Liturgico Nazionale pubblichiamo la risposta della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti sulla questione della disposizione delle chiese in occasione della celebrazione della “Prima Comunione” dei fanciulli.

Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Notitiae vol. 38 (2002)  492

Quesito:
È possibile predisporre una tavola con del pane e del vino in mezzo alla Chiesa vicino all’altare o nel presbiterio in occasione della Messa “Nella Cena del Signore” o della prima piena partecipazione all’Eucaristia, detta “prima Comunione”?

Risposta:

No.

Le vigenti norme in materia affermano in modo chiaro l’importanza da attribuirsi all’altare, la cui posizione deve far sì che l’intera comunità rivolga lì la propria attenzione: «Conviene che in ogni chiesa ci sia l’altare fisso, che significa più chiaramente e permanentemente Gesù Cristo, pietra viva (1Pt 2,4; cf. Ef 2,20); negli altri luoghi, destinati alle celebrazioni sacre, l’altare può essere mobile. L’altare si dice fisso se è costruito in modo da aderire al pavimento e non poter quindi venir rimosso; si dice invece mobile se lo si può trasportare» (Ordinamento Generale del Messale Romano, n. 298).

Ne deriva dunque che è necessario un solo altare, parte più eccellente del presbiterio e dell’intera chiesa, in modo che la sua singolarità favorisca la partecipazione dei fedeli: «Nelle nuove chiese si costruisca un solo altare che significhi alla comunità dei fedeli l’unico Cristo e l’unica Eucaristia della Chiesa. Nelle chiese già costruite, quando il vecchio altare è collocato in modo da rendere difficile la partecipazione del popolo e non può essere rimosso senza danneggiare il valore artistico, si costruisca un altro altare fisso, realizzato con arte e debitamente dedicato. Soltanto sopra questo altare si compiano le sacre celebrazioni. Il vecchio altare non venga ornato con particolare cura per non sottrarre l’attenzione dei fedeli dal nuovo altare» (Ordinamento Generale del Messale Romano, n. 303).
L’usanza, dunque, di predisporre una tavola con il pane e il vino per la memoria dell’Ultima Cena di Gesù o per disporre i fanciulli durante la prima partecipazione eucaristica è simbolicamente una ripetizione, pedagogicamente una distrazione e pastoralmente qualcosa di inconsistente, poiché distrae il popolo dall’altare, turba la percezione dell’importanza dei singoli elementi dell’architettura della Chiesa e non favorisce affatto la partecipazione dei fedeli.

Ufficio Liturgico Nazionale, 27 aprile 2014

Prossimi eventi