Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Così il Seminario è«casa»di gioia

Il Seminario Arcivescovile di Bari celebra il quarto centenario di fondazione, occasione favorevole per rendere grazie al Signore della “vita come vocazione”.

Dal 1612 la città di Bari e tutte le comunità dell’Arcidiocesi, usufruiscono di un grande dono: la possibilità di crescere come Chiesa grazie al contributo efficace che ragazzi, giovani, sacerdoti, religiosi, missionari, consacrati, famiglie, comunità, singoli fedeli, hanno ricevuto dall’esperienza comunitaria del Seminario. I quattrocento anni del Seminario sono, in realtà, il compleanno dell’intera Diocesi!

Quante storie, quante vite, quante vocazioni racchiuse in questo arco di tempo!?

Alcune ci sono note, altre no, tutte sono custodite nel Mistero di Dio.

L’esperienza vocazionale proposta dal Seminario è l’azione dello Spirito che porta ciascuno a collocarsi in un “cuore a cuore” con Dio, che si fa risposta d’amore per gli altri e per il mondo!

Questa è la fede, questa è la vita cristiana: comunicare la gioia di aver incontrato Gesù Signore!

Il Papa, Benedetto XVI, esprime l’unione tra la dimensione vocazionale, dell’incontro personale con il Signore, e la dimensione missionaria:

«Questi due aspetti fanno parte dei sentimenti di Gesù Cristo.

Da una parte, conoscere Dio dal di dentro, conoscere Cristo dal di dentro, stare insieme con Lui; solo se questo si realizza, scopriamo veramente il "tesoro".

Dall’altra parte, dobbiamo anche andare verso gli uomini.

Il "tesoro" non possiamo più tenerlo per noi stessi, ma dobbiamo trasmetterlo».

Il nostro Arcivescovo, Mons. Francesco Cacucci, afferma:

«L’incontro con il Risorto ha permesso all’apostolo Paolo non solo di conoscere la sua futura missione, ma anche di illuminare di nuova luce tutta la sua vita, aiutandolo, così, a percepirsi amato e chiamato da Dio fin dall’eternità. Desidero ribadire con forza l’impegno che sta caratterizzando questi anni: aiutare i ragazzi a riscoprire la gioia e la bellezza di incontrarsi con il Risorto, insieme alla comunità cristiana, nella Celebrazione Eucaristica domenicale. Senza questo incontro non solo la scelta vocazionale diventa ardua, ma la stessa vita cristiana ne risulta oltremodo indebolita».

Festeggiare i quattrocento anni del Seminario per rendere grazie a Dio in modo particolare per il dono del Sacerdozio di Cristo: è Gesù il Sommo ed Eterno Sacerdote, inviato di Dio Padre, che opera nel mondo in infiniti modi. Ad alcuni uomini il Signore ha lasciato una scintilla del suo Sacerdozio.

Sì, una scintilla perché il Sacerdozio Universale di Cristo si compie totalmente in tutti i sacerdoti del mondo! Pensiamo di radunare idealmente tutti i sacerdoti formatisi in Seminario nei quattro secoli trascorsi!

Che Mistero! Bisogna Adorare a lungo il Signore per comprendere la ricchezza del Sacerdozio che passa attraverso un solo ministro che si prende cura di tutto il popolo di Dio e del mondo intero.

Solo Dio sa il fine del Sacerdozio! Quanta gratitudine dobbiamo avere per un solo sacerdote, anche se avesse perso il senno! Attraverso i sacerdoti riceviamo i Sacramenti, la gioia, la santità, la salvezza del Signore. Attraverso un solo sacerdote si può incontrare Gesù! Ringraziamo il Signore per le Vocazioni che il Seminario ha curato in quattrocento anni e, siamo certi, non ne farà mancare altre ancora!

Come non ricordare l’esperienza vissuta in Seminario, come giovane in ricerca e poi come educatore ed economo, da Don Franco Ricci, il nostro Missionario “Fidei Donum”, ucciso in Etiopia venti anni fa.

Don Franco ha ricevuto l’Ordinazione Presbiterale nella Cappella del Seminario il 4 ottobre 1975:

ha lasciato, così, un fecondissimo seme vocazionale e missionario indelebile. Grazie, Don Franco!

Gesù Signore, vive il culmine del Suo Sacerdozio nell’esperienza della Croce che è Dono Totale di sé, e ogni giorno, ciascuno di noi, è chiamato al dono totale nella vita quotidiana.

Da sempre il Seminario si propone nella vita e nel cammino della nostra Diocesi: luogo di accoglienza per sperimentare la presenza del Signore, luogo di incontro con Lui attraverso l’interiorità e la vita di fraternità, luogo di partenza perché ciascuno viva in pienezza ciò a cui è chiamato e inviato fino al dono totale del martirio cristiano quotidiano o cruento!

Con gratitudine e fiducia affidiamo al Signore il cammino del Seminario e dell’intera nostra Diocesi di Bari-Bitonto nel Quarto Centenario di fondazione, sicuri che, come dice con gioia Benedetto XVI:

“Su questa via non siamo soli, ma che la grande schiera dei Santi cammina con noi e i santi ancora vivi, i fedeli di oggi e di domani, ci sostengono e ci accompagnano”. 

Con infinita gratitudine auguri a tutti e a ciascuno!

 
Rettore del Seminario Arcivescovile di Bari
Prossimi eventi