Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Dopo la visita del Papa i quotidiani “scoprono” la parola «migrante»

Molti media, finora, per riferirsi alle persone che arrivano sulle coste italiane con i barconi e al termine dei viaggi della speranza, parlavano di "clandestini". Ieri, dopo la visita di Papa Francesco a Lampedusa, ecco che a campeggiare sui titoli e sommari di molti giornali italiani, scritta sui siti internet e pronunciata nei telegiornali è la parola "migranti".

Molti quotidiani, finora, per riferirsi alle persone che arrivano sulle coste italiane con i barconi e al termine dei viaggi della speranza, usavano il ternine "clandestini" e non "migranti" come invece è abituato a fare da anni Avvenire.

Ieri, dopo la visita di Papa Francesco a Lampedusa, proprio la parola "migrante" campeggiava sui titoli e sommari di molti giornali italiani, veniva scritta sui siti internet e pronunciata nei telegiornali, Tra i tanti segni che la visita del Pontefice ha lasciato nell'isola simbolo dell'emergenza migranti, insomma, c'è anche questo piccolo cambiamento di vocabolario avvenuto in campo giornalistico.

Papa Francesco a Lampedusa ha parlato soprattutto di “migranti” o “immigrati”, Ecco perché queste due parole hanno preso il sopravvento su altre forse lievemente dispregiativi. Certo, non è mancata qualche eccezione. Ma il cambiamento del lessico, almeno per un giorno, è stato evidente.​

© Avvenire, 9 luglio 2013

Prossimi eventi