Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Dopo Oslo qualcuno apre gli occhi

La strage compiuta da Breivik fa finalmente riflettere sulla diffusione della destra estrema in Europa, sulla sua propaganda xenofoba e sull'eccessiva tolleranza di cui ha finora goduto

Le autorità norvegesi, ovviamente. L’Unione Europea attraverso Cecilia Malmstroem, commissario agli Affari Interni. Qualche Governo. Qualche intellettuale. C’è voluta la strage in Norvegia, le decine di ragazzi massacrati da Anders Behring Breivik, perché qualcuno aprisse finalmente gli occhi sulla destra orribile (c’è, ovviamente, anche una destra civile, e molto) che negli ultimi anni si è diffusa in Europa. E non si tratta, qui, di prendersela con il solito Borghezio, che è impresentabile da sempre anche se la Lega lo manda a rappresentarla (e rappresentarci) in Europa.

Il vero problema sta in quell’ambiente di “declino economico, disoccupazione, ansia della media borghesia e immigrazione” che si è formato in vaste aree del continente e nella speculazione politica che lo ha investito. La prima faccia della medaglia ci è ben nota: nell’Unione Europea la disoccupazione è al 9,6% e in crescita; nei 16 Paesi dell’area Euro è al 10,1% e in crescita. La disoccupazione giovanile nel continente è intorno al 20%, in alcuni Paesi (Spagna, 37,8%; in Francia, Grecia e Italia ben oltre il 25%) anche molto più in alto. In generale, siamo e ci sentiamo un po’ più poveri di pochi anni fa, e sempre più preoccupati. Famiglia Cristiana ha appena pubblicato in esclusiva una ricerca dell’Istituto Demopolis: il 23% delle famiglie italiane arriva a fine mese ricorrendo a prestiti o bruciando i risparmi e il 45% di esse ammette di aver avuto difficoltà, nell’ultimo anno, per pagare l’affitto o la rata del mutuo.

     Ma quelle parole tra virgolette, che ho tratto da un magistrale articolo scritto per il New York Times da Roger Cohen, giornalista e saggista americano che conosce bene noi europei, ci invitano anche ad altre considerazioni. Cohen aggiunge: “Breivik ha molti compagni di strada ideologici su entrambe le sponde dell’Atlantico. Viene da loro il veleno che ha infettato il suo risentimento omicida. Tra gli altri Geert Wilders in Olanda, che ha paragonato il Corano al Mein Kampf di Hitler, mentre otteneva il 15,5% dei voti nelle elezioni del 2010; Marine Le Pen in Francia, che ha usato analogie naziste per manifestare il proprio disprezzo per i musulmani devoti; i partiti di estrema destra in Svezia, Danimarca e Gran Bretagna, che fanno derivare qualunque problema dall’immigrazione islamica… Ciò che è diventato chiaro a Oslo è che il delirante odio anti-islamico che le destre contrappongono al “multiculturalismo” delle sinistre può essere pericoloso quanto l’odio contro gli infedeli di Al Qaeda: Breivik da solo ha ucciso molte più persone dei quattro kamikaze islamici nell’attacco alla metropolitana di Londra nel luglio del 2005”.

Molti, oggi, insistono sulla “follia” di Breivik (come se potesse non essere folle uno che ammazza a sangue freddo decine di ragazzi che chiedono pietà) soprattutto perché fanno fatica ad accettare la semplice e drammatica realtà che le dichiarazioni di Borghezio mettono in luce: gli argomenti, i ragionamenti, i deliri di Breivik li abbiamo sentito spessissimo negli ultimi anni, anche in sedi presunte nobili come giornali, telegiornali, dichiarazioni di politici, discorsi di amici.

     Quanti giornalisti pseudo-illustri e commentatori pseudo-esperti ci hanno martellato in questi anni con l’invasione islamica, il ritorno del califfato, lo stravolgimento della nostra civiltà a causa dell’immigrazione, a dispetto di ogni fatto e di ogni cifra? Quanti politici e quanti scrittori copioni ci hanno ossessionato con quella fanfaluca dell’Eurabia, teorizzata dalla saggista ebrea egiziana Bat Ye’or? E lo scontro di civiltà? Scrivere pessimi libri e diffondere sciocchezze non equivale ad armare la mano di un assassino. Non facciamo finta che sia un merito, però, e che non abbia prima o poi delle conseguenze.

Fulvio Scaglione
 
© Famiglia Cristiana, 27 luglio 2011
Prossimi eventi