Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Francesco e Benedetto L'abbraccio: «Siamo fratelli»

Lo storico incontro è durato 45 minuti, secondo quando ha detto padre Lombardi. Il Papa e il Papa emerito hanno pregato insieme e si sono inginocchiati allo stesso banco. La folla attende nella piazza di Castel Gandolfo ma a quanto si è saputo Francesco e Benedetto non si affacceranno

Dopo venti minuti di volo in elicottero, Papa Francesco è atterrato nell'eliporto delle Ville pontificie di Castel Gandolfo. Ad accoglierlo, con un abbraccio commosso, il Papa emerito Benedetto XV. All'arrivo erano presenti monsignor Marcello Semeraro, vescovo di Albano, e il dottor Saverio Petrillo, direttore delle Ville pontificie.

Il Santo Padre Francesco e Benedetto XVI si sono poi trasferiti insieme in auto al Palazzo Apostolico per l'incontro privato in Biblioteca e, di seguito, il pranzo. L'incontro è durato 45 minuti, secondo quanto ha riferito padre Lombardi, in quello che resterà un colloquio privatissimo. Si è saputo che i due si sono recati in una cappella a pregare e Papa Francesco ha voluto inginocchiarsi insieme a Benedetto XVI, sullo stesso banco. «Siamo fratelli» avrebbe detto Bergoglio.

"Un momento di altissima, profondissima comunione". Così padre Federico Lombardi ha definito l'incontro di oggii. Il colloquio, ha detto, ha dato modo a Benedetto XVI di "rinnovare il suo atto di riverenza e obbedienza al suo successore" e a questi di rinnovargli la "gratitudine sua e di tutta la Chiesa per il ministero svolto da papa Benedetto nel suo pontificato".

Nel pomeriggio, dopo il pranzo, Papa Francesco raggiungerà in auto l'eliporto delle Ville pontificie di Castel Gandolfo e farà rientro in Vaticano.

All'esterno del palazzo intanto la folla batte le mani chiedendo così in questo modo l'evento: che Papa Francesco e Benedetto XVI si affaccino al balcone. Ma padre Lombardi ha precisato che questo non avverrà.

© Avvenire, 23 marzo 2013

Prossimi eventi