Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

I vincoli sulla tutela e la necessità di raccontarli

Forum bambini e mass media, il 29 a Bari la prima assemblea nazionale Promossa da Ucsi, Corecom, Consiglio regionale, Ordine giornalisti

Forum bambini e mass media, il 29 a Bari la prima assemblea nazionale Promossa da Ucsi, Corecom, Consiglio regionale, Ordine giornalistiUna società che rinuncia a parlare dei bambini è una società che rinuncia a ragionare sul proprio futuro.

Esistono molte regole deontologiche oggi nella professione giornalistica. Quasi tutte disattese nella pratica o a volte, come nel caso del rapportotra bambini e informazione, applicate esasperatamente senza criterio etico. Sì, perché la deontologia è un insieme di regole da applicare, ma l’etica è il principio, L’approccio, il pensiero da cui nasce la comunicazione nelcontenuto e nella forma.

Assistiamo così ad una informazione che non parla quasi mai dei bambini, applicando in maniera amorale, cioè privata di ogni morale, le regole del codice penale e della cosiddetta Carta di Treviso.

Moltissimi giornalisti pensano che sia meglio, per non disattendere le regole, non parlare mai dei bambini. Salvo gli stessi ad occuparsene nei fatti di cronaca nera e drammatica con grande effetto da audience.

Pensare poi che i bambini crescano indenni da tanta informazione “gridata” e “violenta” è un errore che moltiplica patologie e devianze sociali, perché la comunicazione in ogni caso forma ed è parte attiva nei  processi educativi.

E’ la stessa carta dei Diritti dell’infanzia delle Nazioni Unite a dirci che è necessario che i media parlino dei bambini, ponendo loro ascolto e considerazione, proteggendoli sì, ma occupandosi del loro mondo, delle loro esigenze, della loro formazione, della loro crescita fisica, morale e sociale, della loro interpretazione della vita, perché loro sono le fondamenta della società del futuro.

Di questi temi si parlerà il 29 ottobre a Bari alla prima Assemblea Nazionale del Forum Bambini e Mass Media (vedi pagina facebook), promossa dall’UCSI, il Corecom Puglia, il Garante dei Minori, la Presidenza del Consiglio Regionale, l’Ordine dei Giornalisti e il Comune di Bari.

Il Forum ha il sogno di una comunicazione libera dall'audience, non imbavagliata nel linguaggio utile solo agli indici di ascolto, non urlata, non spettacolarizzata, non violenta, don diseducativa, non superficiale.

L’auspicio del Forum è che “nel tam tam mediatico e cross-mediale i bambini e gli adolescenti siano la stella polare del linguaggio che si usa, perché sono fruitori-protagonisti come gli altri (se non più degli altri) e hanno diritto a conoscere, capire, interpretare, essere educati e formati ad essere cittadini del mondo, giusti e veri.”

 

Enzo Quarto

Presidente UCSI Puglia

© "La Gazzetta del Mezzogiorno", 22 ottobre 2015

Prossimi eventi