Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Il Papa: «Rinuncio in piena libertà»

«Continuate a pregare per me, per la Chiesa, per il futuro Papa, il Signore ci guiderà». Così Benedetto XVI in un'Aula Paolo VI che l'ha più volte applaudito con affetto.

Lo ha ribadito subito, accolto da un lungo applauso: «Cari fratelli e sorelle, come sapete, ho deciso di rinunciare al ministero che il Signore mi ha affidato il 19 aprile 2005. Ho fatto questo in piena libertà per il bene della Chiesa…». Il Papa, in un’aula Paolo VI strapiena (circa 8 mila le persone che hanno gremito la sala) ha dato il via alla prima udienza generale dopo l’annuncio delle sue dimissioni. Canti e applausi, Benedetto XVI che ringrazia «per la vostra simpatia» e poi ancora le sue parole: «Ho sentito quasi fisicamente in questi giorni per me non facili, la forza della preghiera che l’amore della Chiesa, la vostra preghiera, mi porta». E poi invita a «continuare a pregare per me, per la Chiesa, per il futuro Papa».

Nella catechesi, Benedetto XVI si è soffermato a meditare sulle tentazioni di Gesù e la conversione per il Regno dei cieli. «Comincio la Quaresima», ha detto, «quaranta giorni per preparaci alla Pasqua». E poi ha aggiunto che «le tentazioni sono presenti anche oggi, il sacro si eclissa. ma la Grazia di Dio continua a operare». «Non è il potere mondano che salva il mondo, ma il potere della croce, dell’umiltà, dell’amore», ha precisato Joseph Ratzinger. «Riflettere sulle tentazioni a cui è sottoposto Gesù nel deserto è un invito per ciascuno di noi a rispondere ad una domanda fondamentale: che cosa conta davvero nella nostra vita?», si è domandato il Papa che, commentando la prima tentazione, ha spiegato come «senza una risposta alla fame di verità, alla fame di Dio, l’uomo non si può salvare». Nella seconda, il diavolo «propone a Gesù la via del potere: lo conduce in alto e gli offre il dominio del mondo; ma non è questa la strada di Dio». Quanto alla terza, la risposta di Gesù è che «Dio non è un oggetto a cui imporre le nostre condizioni: è il Signore di tutto».

Il «nocciolo delle tre tentazioni che subisce Gesù», ha riassunto il Santo Padre, «è la proposta di strumentalizzare Dio, di usarlo per i propri interessi, per la propria gloria e il proprio successo. E dunque, in sostanza, di mettere se stessi al posto di Dio, rimuovendolo dalla propria esistenza e facendolo sembrare superfluo». Ognuno, allora, «dovrebbe chiedersi allora: che posto ha Dio nella mia vita? È Lui il Signore o sono io?».

Annachiara Valle
 
© Famiglia Cristiana, 13 febbraio 2013
 
Foto: Reuters
Leggi il testo dell'Udienza, clicca qui
Guarda il Video dell'Udienza, clicca qui

 

Prossimi eventi