Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Migranti. Primo corridoio umanitario della Cei

In arrivo 41 migranti siriani provenienti dai campi profughi in Giordania. Le prime 2 famiglie, con figli malati, arriveranno martedì a Bari. Saranno ospitati dai frati Cappuccini

Arriveranno in Italia con un volo di linea direttamente dalla Giordania. Un viaggio sicuro, lontano dalla violenza dei trafficanti e dalle carrette del mare che rischiano di inabissarsi ad ogni onda. Sono le prime due famiglie siriane, in tutto 15 persone, individuate da Caritas Italiana in uno dei tanti campi profughi che accolgono i disperati fuggiti dalla guerra e nei quali la Chiesa italiana grazie ai fondi dell’8 per mille sostiene la vita quotidiana e la speranza di poter rientrare un giorno nella propria terra e nelle proprie case. Si tratta del primo arrivo dal Vicino Oriente attraverso il 'canale umanitario' messo in atto dall’organismo pastorale e frutto dell’accordo siglato dalla Cei con il governo italiano e che prevede per le prossime settimane l’arrivo di 41 migranti siriani in tutto. Il preludio per viaggi sicuri e legali che la Cei avvierà da quest’anno in particolare dall’Etiopia. «Le famiglie siriane in arrivo sono state individuate grazie a una stretta sinergia con Oim e Acnur – spiega Manuela De Marco dal quartier generale dell’organismo pastorale della Cei a Roma – un lavoro lungo un anno mezzo che ha permesso di individuare le situazioni più urgenti e particolarmente bisognose di aiuto in quanto tutte queste famiglie hanno uno o più membri gravemente malati. Il trasferimento è stato reso possibile dall’ambasciata italiana in Giordania e dalla Nunziatura apostolica».

Poi il tempo necessario per preparare tutti i documenti per il viaggio. Così è avvenuto per le prime due famiglie che attereranno a Bari martedì prossimo. Si tratta di due 'grossi' nuclei familiari: in tutto 15 persone, fra cui anche tanti bambini con un’età compresa tra i due e i 16 anni, tra i quali alcuni con problemi di salute molto gravi. I malati saranno presi in cura dai medici della 'Fondazione centri di riabilitazione di Padre Pio' e dell’ospedale 'Casa del sollievo della sofferenza' a San Giovanni Rotondo, a Foggia. Mentre l’accoglienza sarà garantita dalla Caritas diocesana di Manfredonia. «Queste due prime famiglie saranno ospitate a 'Casa Papa Francesco' a San Giovanni Rotondo – spiega don Luciano Pio Vergura, direttore di Caritas Manfredonia – una struttura d’accoglienza per rifugiati e persone bisognose che i frati Cappuccini hanno voluto dedicare al Pontefice l’anno scorso quando sono stati in udienza a Roma». I migranti saranno seguiti nell’ambito del progetto 'Protetto. Rifugiato a casa mia'. Il modello di accoglienza e integrazione dell’organismo pastorale che prevede il coinvolgimento della comunità di riferimento. Le due famiglie saranno seguite da volontari e uomini e donne della comunità cristiana.

Una comunità che si è già fatta carico nei mesi scorsi di altri migranti siriani e per i quali è già stato completato il primo percorso di accoglienza, concluso con successo. «E proprio un siriano, accolto l’anno scorso con i suoi familiari, ci aiuterà nella mediazione linguistica con queste prime due famiglie e con le altre cinque attese nelle prossime settimane che saranno invece accolte in case private», aggiunge don Luciano. Il progetto punta a realizzare, oltre alla prima accoglienza, anche una vera e propria integrazione dei migranti stranieri attraverso il coinvolgimento e la sensibilizzazione della comunità locale. Rispetto alle consuete modalità, si punta cioè al valore della 'gratuità dell’accoglienza', assegnando centralità alla famiglia, sia come luogo fisico e sia come sistema di relazioni in grado di includere soggetti in particolari condizioni di bisogno. «Nulla a che fare con i Cas o gli Sprar – conclude don Luciano – ma sullo stile evangelico che nascerà dall’incontro con le persone». Intanto però non si fermano i pericolosi viaggi nel Mediterraneo. Perchè sono interi popoli che fuggono dalla guerra, dalla fame e dai cambiamenti climatici.

E il 2017 si è già annunciato con la sua emergenza assoluta sulla rotta Libia-Italia, con già il 50% in più di arrivi rispetto a un anno fa. Anche ieri la guardia costiera italiana è stata impegnata a coordinare i soccorsi in mare. Sono circa 970 i migranti tratti in salvo nel canale di Sicilia in sei distinte operazioni. Uomini, donne e bambini si trovavano a bordo di quattro gommoni, un barchino e un barcone. Nei soccorsi sono intervenute la nave Dattilo della guardia costiera, la norvegese Siem Pilot, inserita nel dispositivo Frontex, due unità appartenenti alle Ong Sos Mediterranée e Proactiva open arms. La notte scorsa, inoltre, su segnalazione pervenuta alla centrale operativa della guardia costiera a Roma, che ha tempestivamente interessato la guardia costiera Greca, sono stati salvati a largo delle coste del Peloponneso altri 85 migranti che si trovavano a bordo di un’imbarcazione a vela.

Daniela Fassini

© Avvenire, venerdì 3 marzo 2017

Prossimi eventi