Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

"Sicurezze ai precari e alle giovani famiglie"

Il settore Giovani di Azione cattolica ha scritto una lettera al Forum nazionale dei giovani, realtà cui aderisce e di cui è socio fondatore, in vista del secondo incontro che il Forum avrà con il premier Mario Monti nell'ambito delle consultazioni per le misure anticrisi. La lettera del settore Giovani di Ac esprime lo specifico contributo e alcune priorità dell'associazione.

Carissimi,

nello stile della corresponsabilità cogliamo l’opportunità di contribuire alla lettera che presenterete al Presidente Mario Monti nel prossimo incontro.

Come Giovani di Azione Cattolica suggeriamo le seguenti attenzioni, avendo a cuore la possibilità per i giovani di oggi di costruire e progettare il proprio futuro in Italia:

Una proposta organica per garantire il diritto al futuro che preveda:

  • una migliore regolamentazione dell'accesso al mondo del lavoro. I contratti in vigore oggi possono essere considerati appropriati ma è necessario introdurre misure correttive e di controllo per evitare che vengano utilizzati in maniera svantaggiosa per i lavoratori;
  • sostegno alle giovani famiglie. Va incentivata la natalità attraverso misure atte a conciliare la vita famigliare con quella lavorativa e garantendo la presenza sul territorio dei servizi necessari, assicurandone l'accesso agevolato alle famiglie con più di un figlio. Il diritto alla casa, inoltre, va garantito anche sollecitando gli enti preposti ad una migliore gestione dell'edilizia popolare.

Occorre, poi, rilanciare il valore della solidarietà nel tessuto sociale del Paese attraverso:

  • il ripensamento, nel medio e lungo periodo e in un ottica di una maggiore giustizia sociale, di un sistema fiscale più equo e meno “pesante” per cittadini e imprese;
  • la lotta all'evasione, che va incrementata (rendere tracciabili i pagamenti al di sopra di una certa soglia è una delle misure che vanno in questa direzione) promuovendo una seria cultura della legalità e della corresponsabilità, fondamento di un nuovo stile di cittadinanza e di partecipazione alla spesa pubblica;
  • incentivare e valorizzare il terzo settore, promuovendo i valori dell’accoglienza, della solidarietà e della centralità della persona.

È necessario riformare la politica incoraggiando nuove forme di partecipazione e riportandola al suo fine originario – il servizio al bene comune – attraverso:

  • il passaggio dei giovani da “oggetto” di alcune politiche a soggetti attivi e corresponsabili delle politiche;
  • il taglio del numero dei parlamentari e la diminuzione (in proporzione alla popolazione rappresentata) dei membri dei vari organi elettivi degli Enti Locali;
  • il taglio degli stipendi e dei vitalizi, ancorandoli alla situazione media e reale dei lavoratori italiani, e l’abbattimento di tutti gli sprechi.

Auspichiamo, inoltre, che tutti gli interventi necessari ad affrontare la crisi siano comunque e prima di tutto incentrati su uno sviluppo economico reale fondato sulla centralità della persona, avendo come conseguenza (e non unico fine) la stabilità dei mercati finanziari. Ci sembra, infine, importante rilanciare il livello politico dell’integrazione europea, via principale per fare anche quegli interventi economici per superare la crisi.

Oltre questi suggerimenti, come Giovani di Azione Cattolica auspichiamo che, in sede di consultazione, non ci sia verso il governo Monti un giudizio affrettato. Non ci sembra, infatti, sia passato il tempo necessario per dare una valutazione all’operato dell’attuale esecutivo, dato che i primi provvedimenti saranno presentati nei prossimi giorni.

Inoltre pensiamo che la rabbia e l’indignazione che giustamente proviamo come giovani per il prezzo che stiamo scontando per questa crisi non debba distoglierci dalla logica del dialogo e della fiducia che può portare frutti importanti. Dobbiamo, quindi, avere il coraggio di prenderci la nostra quota di responsabilità e corresponsabilità, contribuendo ad una buona politica per tutti gli italiani – bambini, giovani e adulti – rilanciando un patto intergenerazionale che ci veda tutti dalla stessa parte nel superare questo momento di crisi.

Nella speranza di aver contribuito alla riflessione dell’intero Direttivo e in attesa di un resoconto del dialogo che avrete con il Presidente Monti, vi auguriamo buon incontro.

 

Il Settore Giovani di Azione Cattolica

 

© www.azionecattolica.it

Prossimi eventi