Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Il Papa: Gmg, un dono prezioso che dà speranza per futuro Chiesa

"Ringrazio Dio per questo dono prezioso, che dà speranza per il futuro della Chiesa".

Con queste parole, Benedetto XVI ha parlato nell'udienza generale a Castel Gandolfo dei giorni trascorsi a Madrid per la 26/a Giornata Mondiale della Gioventù. Il Papa ha definito quelli di Madrid "giorni straordinari": "un evento ecclesiale emozionante, con circa due milioni di giovani da tutti i continenti che hanno vissuto una formidabile esperienza di fraternità, l'incontro con il Signore, una vera cascata di luce".

Il Pontefice ha ringraziato quanti hanno lavorato per l'organizzazione della Gmg e ha espresso "riconoscenza" alle autorità e alle istituzioni spagnole. "Non posso dimenticare - ha sottolineato - la calorosa accoglienza che ho ricevuto dalle loro maestà, i reali di Spagna, come pure da tutto il paese".

Ha quindi ricordato i vari momenti della Gmg, dal suo primo giorno nella capitale spagnola ("ho in mente l'entusiasmo incontenibile con cui i giovani mi hanno ricevuto nella Plaza de Cibeles"), agli incontri all'Escorial con le giovani religiose e i docenti universitari, dalla Via Cucis alla messa nella cattedrale madrilena della Almudena con i giovani seminaristi ("auspico che crescano le vocazioni al sacerdozio, e sono certo che anche a Madrid il Signore ha bussato alla porta del cuore di molti giovani perché lo seguano con generosità nella missione sacerdotale o nella vita religiosa"), fino alla veglia di preghiera e alla messa conclusiva nella spianata di Cuatro Vientos.
 
"Ho lasciato il Paese portando nel cuore questi giorni come un grande dono", ha detto ancora il Pontefice. Secondo Benedetto XVI, "l'incontro di Madrid è stata una stupenda manifestazione della fede, per la Spagna, per il mondo e per noi tutti". "Per la moltitudine di giovani provenienti da ogni angolo della terra - ha aggiunto - è stata un'occasione speciale per riflettere, dialogare, scambiarsi positive esperienze, e soprattutto pregare insieme e rinnovare l'impegno  di radicare la propria vita in Cristo, amico fedele".

"Sono certo che sono tornati alle loro case con il fermo proposito di essere lievito nella massa, portando la speranza che nasce dalla fede - ha concluso il Papa -. Da parte mia continuo ad accompagnarli con la preghiera affinché rimangano fedeli agli impegni assunti".

Al termine dell'udienza Benedetto XVI ha annunciato i temi delle prossime Gmg. "Quella dell'anno prossimo, che si svolgerà nelle singole diocesi - ha detto il Papa -, avrà come motto 'Siete sempre lieti nel Signorè, tratto dalla Lettera ai Filippesi". "Mentre nella Giornata mondiale della Gioventù del 2013 a Rio di Janeiro - ha proseguito - il motto sarà il mandato di Gesù, 'Andate e fate discepoli tutti i popolì".

"Fin d'ora - ha aggiunto il Pontefice - affido alla preghiera di tutti la preparazione di questi appuntamenti molto importanti".

© Avvenire, 24 agosto 2011

Qui di seguito, il testo integrale dell'udienza

Cari fratelli e sorelle,
oggi vorrei riandare brevemente con il pensiero e con il cuore agli straordinari giorni trascorsi a Madrid per la XXVI Giornata Mondiale della Gioventù. E’ stato, e lo sapete, un evento ecclesiale emozionante; circa due milioni di giovani da tutti i Continenti hanno vissuto, con gioia, una formidabile esperienza di fraternità, di incontro con il Signore, di condivisione e di crescita nella fede: una vera cascata di luce. Ringrazio Dio per questo dono prezioso, che dà speranza per il futuro della Chiesa: giovani con il desiderio fermo e sincero di radicare la loro vita in Cristo, rimanere saldi nella fede, camminare insieme nella Chiesa. Un grazie a quanti hanno lavorato generosamente per questa Giornata: il Cardinale Arcivescovo di Madrid, i suoi Ausiliari, gli altri Vescovi di Spagna e di altre parti del mondo, il Pontificio Consiglio per i Laici, sacerdoti, religiosi e religiose, laici. Rinnovo la mia riconoscenza alle Autorità spagnole, alle istituzioni e associazioni, ai volontari e a quanti hanno offerto il sostegno della preghiera. Non posso dimenticare la calorosa accoglienza che ho ricevuto dalle loro Maestà i Reali di Spagna, come pure da tutto il Paese.

In poche parole naturalmente non posso descrivere i momenti così intensi che abbiamo vissuto. Ho in mente l’entusiasmo incontenibile con cui i giovani mi hanno ricevuto, il primo giorno, nella Piazza de Cibeles, le loro parole ricche di attese, il loro forte desiderio di orientarsi alla verità più profonda e di radicarsi in essa, quella verità che Dio ci ha dato di conoscere in Cristo. Nell’imponente Monastero di El Escorial, ricco di storia, di spiritualità e di cultura, ho incontrato le giovani religiose e i giovani docenti universitari. Alle prime, alle giovani religiose, ho ricordato la bellezza della loro vocazione vissuta con fedeltà, e l’importanza del loro servizio apostolico e della loro testimonianza profetica. E rimane in me l'impressione del loro entusiasmo, di una fede giovane, e piene di coraggio per il futuro, di volontà di servire così l'umanità. Ai professori ho ricordato di essere veri formatori delle nuove generazioni, guidandole nella ricerca della verità non solo con le parole, ma anche con la vita, consapevoli che la Verità è Cristo stesso. Incontrando Cristo incontriamo la verità. Alla sera, nella celebrazione della Via Crucis, una moltitudine variegata di giovani ha rivissuto con intensa partecipazione le scene della passione e morte di Cristo: la croce di Cristo dà molto più di ciò che esige, dà tutto, perché ci conduce a Dio.

Il giorno seguente, la Santa Messa nella Cattedrale della Almudena, a Madrid, con i seminaristi: giovani che vogliono radicarsi in Cristo per renderlo presente un domani, come suoi ministri. Auspico che crescano le vocazioni al sacerdozio! Tra i presenti vi era più di qualcuno che aveva udito la chiamata del Signore proprio nelle precedenti Giornate della gioventù; sono certo che anche a Madrid il Signore ha bussato alla porta del cuore di molti giovani perché lo seguano con generosità nel ministero sacerdotale o nella vita religiosa. La visita ad un Centro per i giovani diversamente abili mi ha fatto vedere il grande rispetto e amore che si nutre verso ogni persona e mi ha dato l’occasione di ringraziare le migliaia di volontari che testimoniano silenziosamente il Vangelo della carità e della vita. La Veglia di preghiera alla sera e la grande Celebrazione eucaristica conclusiva del giorno dopo sono stati due momenti molto intensi: alla sera una moltitudine di giovani in festa, per nulla intimoriti dalla pioggia e dal vento, è rimasta in adorazione silenziosa di Cristo presente nell’Eucaristia, per lodarlo, ringraziarlo, chiedere aiuto e luce; e poi alla domenica, i giovani hanno manifestato la loro esuberanza e la loro gioia di celebrare il Signore nella Parola e nell’Eucaristia, per inserirsi sempre di più in Lui e rafforzare la loro fede e vita cristiana. In un clima di entusiasmo ho incontrato i volontari alla fine che ho ringraziato per la loro generosità e con la cerimonia di congedo ho lasciato il Paese portando nel cuore questi giorni come un grande dono.

Cari amici, l’incontro di Madrid è stato una stupenda manifestazione di fede per la Spagna e per il mondo prima di tutti. Per la moltitudine di giovani, provenienti da ogni angolo della terra, è stata un’occasione speciale per riflettere, dialogare, scambiarsi positive esperienze e, soprattutto, pregare insieme e rinnovare l’impegno di radicare la propria vita in Cristo, Amico fedele. Sono certo che sono tornati alle loro case e ritornano con il fermo proposito di essere lievito nella massa, portando la speranza che nasce dalla fede. Da parte mia continuo ad accompagnarli con la preghiera, affinché rimangano fedeli agli impegni assunti. Alla materna intercessione di Maria, affido i frutti di questa Giornata.

E ora desidero annunciare i temi delle prossime Giornate Mondiali della Gioventù. Quella dell’anno prossimo, che si svolgerà nelle singole Diocesi, avrà come motto: “Siate sempre lieti nel Signore!”, tratto dalla Lettera ai Filippesi (4,4); mentre nella Giornata Mondiale della Gioventù del 2013 a Rio de Janeiro, il motto sarà il mandato di Gesù: “Andate e fate discepoli tutti i popoli!” (cfr Mt 28,19). Fin d’ora affido alla preghiera di tutti la preparazione di questi molto importanti appuntamenti. Grazie.

Prossimi eventi