Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Papa: un Sinodo su giovani e fede

Si terrà nell'ottobre 2018. Il tema sarà: «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale». «Una scelta - spiega una nota vaticana - che è espressione della sollecitudine pastorale della Chiesa verso i giovani, è in continuità con quanto emerso dalle recenti Assemblee sinodali sulla famiglia e con i contenuti dell’Esortazione Apostolica post-sinodale Amoris Laetitia»

Un Sinodo dedicato ai giovani. Precisamente al tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale». Si terrà nell'ottobre 2018.

Come informa una nota vaticana, Papa Francesco, «dopo aver consultato, come è consuetudine, le Conferenze Episcopali, le Chiese Orientali Cattoliche sui iuris e l’Unione dei Superiori Generali, nonché aver ascoltato i suggerimenti dei Padri della scorsa Assemblea sinodale e il parere del XIV Consiglio Ordinario, ha stabilito che nell’ottobre del 2018 si terrà la XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema: I giovani, la fede e il discernimento vocazionale».

Spiega la nota vaticana: «Il tema, espressione della sollecitudine pastorale della Chiesa verso i giovani, è in continuità con quanto emerso dalle recenti Assemblee sinodali sulla famiglia e con i contenuti dell’Esortazione Apostolica post-sinodale Amoris Laetitia. Esso intende accompagnare i giovani nel loro cammino esistenziale verso la maturità affinché, attraverso un processo di discernimento, possano scoprire il loro progetto di vita e realizzarlo con gioia, aprendosi all'incontro con Dio e con gli uomini e partecipando attivamente all'edificazione della Chiesa e della società».

Come spiega il sito vaticano «il Sinodo dei Vescovi è un’istituzione permanente voluta da Papa Paolo VI il 15 settembre 1965 in risposta al desiderio dei Padri del Concilio Vaticano II di mantenere vivo lo spirito positivo generato dall’esperienza conciliare. Letteralmente la parola “sinodo”, derivata da due parole greche, syn che significa “insieme” e hodos che vuol dire “strada” o “via “, significa “camminare insieme”. Un Sinodo è un’assemblea o un incontro religioso in cui vescovi, riuniti intorno e con il Santo Padre, hanno l’opportunità di interagire e di condividere informazioni ed esperienze, nella ricerca comune di soluzioni pastorali che abbiano una validità e un’applicazione universali. Il Sinodo, in generale, può essere definito come un’assemblea di vescovi che rappresentano l’episcopato cattolico e che hanno il compito di aiutare il Papa nel governo della Chiesa universale dando il proprio consiglio. Papa Giovanni Paolo II ha definito il Sinodo come “un’espressione e uno strumento particolarmente fecondi della collegialità dei Vescovi».

© Avvenire, 6 ottobre 2016

 

Ora due anni per ascoltare le domande di futuro

 

Ha ascoltato il parere di tutti – padri sinodali, vescovi di ogni parte del mondo, religiosi, i cardinali suoi consiglieri diretti –, poi ha deciso. E la scelta è, come sempre con papa Francesco, una sorpresa e una conferma. Indicando alla Chiesa che dopo due assemblee sinodali sulla famiglia è ora di occuparsi dei giovani e delle loro scelte di vita Bergoglio mostra di voler portare l’attenzione sulle questioni decisive per il popolo di Dio e per la società, senza badare in alcun modo a criteri "mediatici". La sorpresa è dunque il tema inatteso, la conferma è che la Chiesa viene invitata a guardare a quello che conta. I giovani non sono genericamente il "futuro" o una categoria sociologica ribattezzata in modo diverso a ogni stagione, ma stanno dentro le ferite e le speranze del mondo: nella famiglia in crisi di identità e sotto l’attacco concentrico di ideologie individualiste, nella società che cerca nuovi equilibri globali e locali, nell’economia che usa le nuove generazioni come risorse da spremere ma non gli apre vere chance di futuro, nel lavoro che manca e quando c’è non garantisce la libertà di progetti di vita affidabili.
La condizione giovanile è un indicatore dello stato di salute dell’umanità e della stessa Chiesa. Riflettere, come invita a fare sin d’ora il tema del Sinodo già fissato per l’ottobre 2018, sui giovani a confronto con la fede e la loro vocazione (intesa nel senso più ampio) significa dedicarsi ad ascoltare cosa la gioventù oggi chiede e cerca lanciando nei modi più diversi le sue domande radicali sulla vita: per cosa vale la pena vivere, soffrire, amare, battersi, diventare adulti? A cosa sono chiamato? Quali voci mertitano di essere ascoltare? Chi è capace oggi di parole significative e credibili sul mio destino?
Ora è il momento – ci dice il Papa – per guardare ai giovani senza pregiudizi, impegnandosi per comprenderli davvero. Lo stesso vale per loro: arriva l’occasione per cercare con sincerità dentro se stessi e proporsi per un dialogo profondo con chi ha già percorso un tratto di strada più lungo. Abbiamo due anni di lavoro davanti su queste suggestioni e su molte altre che emergeranno. Il Papa stesso ha spronato i giovani a essere d’esempio agli adulti con la loro capacità di alzarsi dal divano – è l’immagine che spese alla Gmg di Cracovia – spezzando l’isolamento, la rassegnazione, l’indifferenza.
Così com’è stato con i due Sinodi sulla famiglia, che hanno mobilitato la Chiesa dall’ultima parrocchia al collegio cardinalizio in un lavoro sinodale senza precedenti, un tema così grande come quello dei giovani merita di essere preso molto sul serio. Con queste premesse, i frutti arriveranno.

Francesco Ognibene

© Avvenire, 6 ottobre 2016

Prossimi eventi