Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Banca Etica: sì alle imprese sociali

Banca Etica investe con i propri titoli di risparmio a favore delle aziende sociali e "green" del Mezzogiorno. Un prestito obbligazionario per sostenere l'economia del Sud Italia.

Banca Etica (www.bancaetica.it) è una banca popolare che opera a livello nazionale. La sua particolarità è quella di essere un istituto di credito davvero “democratico” nel proprio processo decisionale: la sua azione si fonda sulla forte partecipazione dei soci nel capitale, indipendentemente dal numero di azioni detenute. Durante le votazioni, tutti gli azionisti hanno lo stesso diritto di voto, secondo il principio "una testa, un voto".

Fin dalla sua nascita in Italia nel 1994, Banca Etica ha messo sempre al centro un duplice obiettivo: creare un sistema di raccolta e impiego del risparmio tra soci privilegiando chi si trovava in situazioni di difficoltà e proporre progetti con finalità sociale. Dal 17 maggio Banca Etica inizia il collocamento dei cosiddetti "Trem bond", ovvero i Titoli di Risparmio per l'Economia Meridionale a fiscalità agevolata, previsti dalla Legge n. 106/2011 (http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:legge:2011;106).

Banca Etica ha aderito infatti alla possibilità di emettere un prestito obbligazionario destinato a sostenere l'economia del Sud Italia. In particolare, il risparmio raccolto con i TREM BOND verrà utilizzato per finanziare le piccole e medie imprese e le cooperative sociali del Mezzogiorno per lo sviluppo di progetti di economia sociale e "green". Al fine di agevolare l'erogazione di credito a favore di tali imprese, la legge stabilisce, per questi bond, un prelievo fiscale del 5% anziché del 20%.

"L'emissione di bond - spiega il Direttore generale Mario Crosta - è un ulteriore strumento con cui Banca Etica vuole rafforzare l'attenzione particolare che da sempre riserva all'economia solidale del Sud. Già stiamo finanziando, nelle regioni meridionali, centinaia di imprese sociali e senza scopo di lucro impegnate in progetti per il bene comune, per la legalità, per la tutela dell'ambiente e per l'inclusione delle persone più fragili. Al Sud attualmente eroghiamo finanziamenti per un totale di 105 milioni di euro, a fronte di una raccolta di risparmio che sul territorio meridionale ammonta a 43 milioni di euro. Siamo orgogliosi di investire il doppio di quanto raccogliamo e siamo fiduciosi che con i Trem bond potremo fare ancora di più. Questi titoli sono un'opportunità per i risparmiatori di tutta Italia che vogliano finalizzare il proprio risparmio a sostegno delle imprese sociali che al Sud erogano servizi essenziali per le famiglie, creando anche occupazione. Solo per fare alcuni esempi delle associazioni che Banca Etica finanzia, posso citare Libera, la Comunità Progetto Sud di don Panizza in Calabria, l'associazione Figli in famiglia di Napoli o la cooperativa Agropoli di Peppe Pagano nel Casertano."

Il prestito complessivo emesso da Banca Etica è di 11 milioni di euro: si parte con la prima tranche sottoscrivibile dal 17 maggio. I risparmiatori potranno scegliere se vincolare il risparmio a 5 o a 7 anni: durate lunghe, è vero, ma coerenti con la consapevolezza che l'economia reale si sostiene davvero solo investendo sul medio-lungo periodo.

Andrea Ferrari
 
© Famiglia Cristiana, 17 maggio 2012
Prossimi eventi