Amm. Apostolico

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Francesco prega per le famiglie in lutto e provate dalla pandemia

Al termine della recita dell'Angelus, nella giornata della Festa della Santa Famiglia, il Papa affida al Signore in particolare i nuclei familiari che a causa del Covid- 19 hanno perso un congiunto e si trovano in situazione di difficoltà. Con loro il pensiero va anche ai medici e al personale sanitario impegnato in prima linea nella lotta quotidiana al virus

Con la dolcezza e la premura del padre, Francesco prega e invita a pregare per tutte le famiglie segnate dal lutto a causa del Covid. Così, al termine della recita dell' Angelus, dopo il saluto a tutti coloro che seguono "la preghiera mariana attraverso i mezzi di comunicazione sociale". Le sue parole sono ulteriore consolazione per chi ha il cuore ferito:

Oggi, specialmente, affido al Signore ogni famiglia, specialmente quelle più provate dalle difficoltà della vita e dalle piaghe dell’incomprensione e della divisione. Il Signore, nato a Betlemme, doni a tutte la serenità e la forza di camminare uniti nella via del bene. 

Ma nell’affidamento a Dio, ci sono anche i medici e gli operatori sanitari quotidianamente coinvolti nella lotta al virus. Un impegno immenso e generoso che viene pagato a caro prezzo accanto a famiglie e persone sole:

Penso anche ai medici, agli infermieri e a tutto il personale sanitario il cui grande impegno in prima linea nel contrasto alla diffusione del virus ha avuto significative ripercussioni sulla vita familiare. 

Oltre alla preghiera e all'affidamento, Francesco chiede l’impegno personale per tenere unita la famiglia. Così come già detto prima dell'Angelus, raccomanda tre parole fondamentali "che aiuteranno tanto a vivere l’unità nella famiglia":

“Permesso” – per non essere invadenti, rispettare gli altri – “grazie” – ringraziarci, mutuamente in famiglia – e “scusa” quando noi facciamo una cosa brutta. E questo “scusa” – o quando si litiga – per favore dirlo prima che finisca la giornata: fare la pace prima che finisca la giornata.

Emanuela Campanile -Città del Vaticano

© www.vaticannews.va, domenica 27 dicembre 2020