Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

9 marzo. Venerdì la 24 Ore per il Signore con papa Francesco

Alle 17 in San Pietro papa Francesco presiede la celebrazione penitenziale che apre la 24 Ore per il Signore: ecco cos'è quest'iniziativa

"Venerdì prossimo, nella Basilica di San Pietro, celebrerò la liturgia penitenziale per la tradizionale 24 Ore per il Signore. Mi auguro che le nostre chiese possano rimanere aperte a lungo per accogliere quanti vorranno prepararsi alla Santa Pasqua, celebrando il sacramento della Riconciliazione, e sperimentare in questo modo la misericordia di Dio". Così Papa Francesco al termine dell'udienza generale del mercoledì, in Aula Paolo VI in Vaticano.

Che cos'è la 24 Ore per il Signore

Venerdì, 9 marzo, alle 17, nella Basilica di San Pietro, papa Francesco presiede la celebrazione penitenziale di apertura della "24 Ore per il Signore", promossa dal Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione. Nata a Roma 5 anni fa, l'iniziativa si è rapidamente diffusa nei cinque Continenti. Anche quest’anno in ogni Diocesi almeno una chiesa rimarrà aperta per 24 ore consecutive in modo da offrire a tutti la possibilità della preghiera di adorazione e di confessarsi. Novità di quest’anno, l’adesione dei cappellani degli istituti penitenziari, che organizzeranno con i detenuti meditazioni e accompagnamento alla preghiera. Nelle chiese in tutto il mondo, invece, si celebreranno l’adorazione eucaristica e le confessioni. Alcune parrocchie resteranno aperte anche di notte, altre prolungheranno gli orari consueti. Nella diocesi di Roma, in moltissime parteciperanno.

Nel Messaggio per la Quaresima 2018 papa Francesco aveva lanciato la nuova edizione dell'iniziativa "24 ore per il Signore". Un'«occasione propizia», la definiva Francesco, che «invita a celebrare il sacramento della Riconciliazione in un contesto di adorazione eucaristica». L'appuntamento quaresimale si svolge venerdì 9 e sabato 10 marzo ispirandosi al versetto del Salmo
130: "Presso di te è il perdono". «In ogni diocesi – aveva spiegato Bergoglio – almeno una chiesa rimarrà aperta per 24 ore consecutive, offrendo la possibilità della preghiera di adorazione e della Confessione sacramentale».

In passato, in occasione dell'iniziativa, Francesco aveva confessato alcuni penitenti nella Basilica Vaticana.

Come partecipare il 9 marzo alla celebrazione penitenziale con papa Francesco

"L’obiettivo della 24 Ore per il Signore - ha spiegato l’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, in un'intervista a Vatican News - è quello di offrire a tutti, soprattutto a quanti sentono ancora disagio all’idea di entrare in una chiesa, di cercare l’abbraccio misericordioso di Dio, un’occasione al di fuori degli usuali tempi e modi per fare ritorno al Padre”.
Lo stesso Pontificio Consiglio ha curato un apposito Sussidio pastorale, in diverse lingue, per accompagnare questo momento di preghiera.

Alcune edizioni del Sussidio sono disponibili sul sito www.pcpne.va dove sono indicate anche le informazioni su come partecipare il 9 marzo alla Celebrazione Penitenziale con Papa Francesco nella Basilica di San Pietro.

A Roma una tra le chiese che aderiranno alla "24 Ore per il Signore" è la basilica di Santa Maria in Trastevere. Da venerdì pomeriggio cominceranno le confessioni. Prima e dopo la preghiera tradizionale della Comunità di Sant’Egidio, alle 20.30, saranno letti alcuni brani della Scrittura, fino a mezzanotte. Verranno proposti anche brevi commenti, oltre all’adorazione eucaristica. Sabato si continuerà con le confessioni. A Milano il sito della diocesi ha pubblicato un elenco delle chiese aperte, tra cui la Basilica di Sant'Eustorgio. A Torino è la parrocchia Assunzione di Maria Vergine – Lingotto che ha aderito all'iniziativa, mentre a Genova è aperta la Chiesa di Santa Marta.

© Avvenire Redazione Internet, mercoledì 7 marzo 2018

Prossimi eventi