Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Puglia senza nascite e senza giovani

Il Forum delle Associazioni Familiari di Puglia chiede al Governatore Emiliano di indire la prima Conferenza regionale sulle politiche familiari

La Puglia rischia di diventare una regione senza più bambini né giovani. Lo dicono Unione Europea, Banca d’Italia, Fondazione Agnelli e l’ha confermato, solo pochi giorni fa, l'Istat.

In soli 15 anni, dal 2002 a 2017, la popolazione tra 0 e 24 anni è diminuita di circa 227mila unità e le previsioni stimano che fra dieci anni bambini e ragazzi di questa fascia d’età caleranno ancora di ulteriori 145mila.

Porre un argine a questa drammatica situazione non è più procrastinabile: ne va di ogni prospettiva di sviluppo economico e di sostenibilità del welfare.

Già durante la recente campagna elettorale, il Forum delle associazioni familiari ha proposto a tutte le forze politiche un #PattoxNatalità, sottoscritto da tutti i partiti all’indomani della Conferenza nazionale sulla Famiglia, dedicata proprio al drammatico tema della denatalità, promossa dal Dipartimento per le Politiche familiari della Presidenza del Consiglio dei Ministri e svoltasi a Roma lo scorso settembre.

Oggi il Forum delle Famiglie di Puglia si rivolge direttamente alle istituzioni regionali: al governatore Michele Emiliano, al presidente del Consiglio regionale Mario Loizzo e alla presidente della Commissione regionale Pari opportunità Patrizia Del Giudice. Insieme ai sindacati e a oltre 50 associazioni familiari del territorio chiede loro di indire, per primi in Italia, la Conferenza regionale sulla famiglia, che  riprenda le indicazioni emerse da quella nazionale.

Essa dovrà essere finalizzata alla costruzione di un Piano regionale di Politiche familiari realizzato a partire dalle istanze e dalle proposte delle associazioni familiari pugliesi. Politiche finalmente strutturali, da non confondere con gli interventi assistenziali e di lotta alla povertà a cui da sempre siamo abituati.

Ad avere bisogno di essere sostenute e incoraggiate nelle loro scelte matrimoniali, di procreazione e di accoglienza alla vita sono infatti tutte le famiglie. Quelle che nonostante tutto ci provano, quelle che "vorrebbero ma non possono", quelle che col loro non arrendersi mandano avanti il Paese. Dopo tanti sacrifici, è ora di andar loro incontro. Solo così si potrà superare l'inesorabile inverno demografico che ci attanaglia.

Forum delle Associazioni Familiari di Puglia

 

Lettera del Forum delle associazioni familiari di Puglia, insieme ai sindacati e a oltre 50 associazioni del territorio, indirizzata al governatore Michele Emiliano nella quale si chiede di indire in Puglia la prima Conferenza regionale sulla famiglia.

Ill.mo Signore
Dott. Michele EMILIANO
Presidente Giunta regionale pugliese

Ill.mo Signore
Dott. Mario LOIZZO
Presidente Consiglio Regionale pugliese

Gent.ma Signora
Dott.ssa Patrizia DEL GIUDICE
Presidente Commissione regionale Pari Opportunità

Loro Sedi

Illustrissimi Presidenti, nel novembre scorso il Forum delle famiglie di Puglia, unitamente a Cgil, Cisl ed Uil Puglia, alla Fimmg, alla Conferenza Episcopale pugliese - rappresentata dalle Commissioni regionale di Pastorale familiare e di Pastorale sociale e del lavoro - e a oltre 40 associazioni operanti sul territorio, aveva inviato a Giunta e Consiglio regionale una Lettera aperta con cui si chiedeva l’elaborazione di un Piano regionale di politiche familiari. Un’esigenza molto sentita, come confermato anche dalla terza Conferenza nazionale della Famiglia del settembre 2017, promossa dal Dipartimento per le Politiche familiari della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la quale ha ribadito con forza che l’Italia deve ripartire dalla famiglia, altrimenti non avrà domani.

L’urgenza di tale azione è stata ulteriormente e reiteratamente sottolineata in questi mesi dall’imporsi all’attenzione delle istituzioni del drammatico tema della denatalità, che ormai è tale da mettere sotto scacco la sostenibilità del sistema di welfare (sanità, pensioni, scuola, assistenza…) e qualunque prospettiva realistica di sviluppo economico duraturo.

Unione Europea e Banca d’Italia, Istat e Fondazione Agnelli, in uno con organizzazioni di diverso orientamento e con autorevoli studiosi, sottolineano da tempo la necessità di affrontare con adeguate misure questo autentico inverno demografico, peraltro in atto da alcuni decenni.

La Puglia, in particolare, mostra un preoccupante calo delle nascite (da 40mila a 31mila nel periodo 2003-2016, pari al -21%), con soli 7.6 nati per 1000 abitanti l’anno; questo dato, unitamente alla progressiva riduzione della popolazione in età feconda e al diffuso esodo dei nostri ragazzi alla ricerca di un lavoro, rende chiarissimo, già per l’oggi e poi per il prossimo futuro, il rischio di una regione senza giovani, con gravi ripercussioni per lo sviluppo economico della nostra Regione In soli 15 anni, dal 2002 a 2017, i giovani pugliesi tra 0 e 24 anni sono diminuiti di circa 227mila unità e le previsioni stimano che fra dieci anni i ragazzi di questa fascia d’età diminuiranno ancora di circa 145mila unità.

È dunque assolutamente indispensabile che la politica e le Istituzioni si impegnino nell’affrontare questa urgenza nazionale e regionale con politiche strutturali, di filiera, basate su una seria programmazione, superando la tentazione di considerare gli interventi assistenziali e di lotta alla povertà come interventi di politica familiare: invertire la tendenza in atto è possibile, come dimostrano la Germania, e più ancora la Francia.

Per porre dei passi concreti in questa direzione, il Forum regionale delle Famiglie, assieme ai Sindacati ed alle oltre 40 associazioni familiari che hanno condiviso e sottoscritto la Lettera del novembre scorso, quotidianamente impegnate nell’ascolto e nella condivisione delle problematiche delle famiglie pugliesi, sta promuovendo sul territorio degli incontri monotematici dedicati ad alcuni nodi fondamentali di politica familiare ( politiche fiscali, lavoro per i giovani e per le donne, misure di conciliazione, disabilità…), il cui legame con la questione della denatalità è del tutto evidente.

Proprio in forza di questo lavoro, il Forum, unitamente ai sottoscrittori di questa lettera, chiede che la Regione Puglia, in collaborazione con la rete territoriale delle Associazioni familiari, organizzi, prima tra le Regioni Italiane, una Conferenza regionale sulla Famiglia, finalizzata alla costruzione di un piano condiviso di politiche familiari.

Si recepirebbero così le indicazioni maturate durante l’omonima Conferenza nazionale del settembre scorso, approfondendo altresì le proposte emerse dal lavoro delle Associazioni familiari del Forum nel contesto di un costruttivo confronto con Giunta e Consiglio regionali.

In attesa di un cortese riscontro, vogliate gradire, illustri Presidenti, il nostro più cordiale saluto.

 

Forum delle Associazioni Familiari di Puglia

Conferenza Episcopale Pugliese – Commissione regionale di Pastorale Familiare

Conferenza Episcopale Pugliese – Commissione regionale di Pastorale Sociale e del Lavoro

Progetto Policoro - Puglia

CISL Puglia

UIL Puglia

ACLI Puglia

AIMC Puglia

AMCI Puglia

ANFFAS Onlus Puglia

ANSPI Puglia

Associazione “Ad personam”

Associazione “Comunità Arca dell’Alleanza”

Associazione “Famiglia per tutti”

Associazione “Famiglie Tossicodipendenti”

Associazione “Famiglie Numerose”- Puglia

Associazione “Igino Giordani”

Associazione “Il Melograno” per i diritti delle famiglie vedove – Puglia

Associazione “La Bottega dell’Orefice”- sez. appulo lucana

Associazione “Medicina e Persona “ – Puglia

Associazione “Mons. A. Franco”

Associazione “PADIF”

Associazione “Rinnovamento per la Vita”

Associazione Genitori “A.Ge.” Puglia

Azione Cattolica Italiana - Puglia

Cartello nazionale “Insieme contro l’Azzardo” (*)

Centro Sportivo Italiano – Lecce

CIF – Centro Italiano Femminile- Puglia

CNOS- FAP Puglia

Comitato “Progetto uomo”

Compagnia delle Opere

Confartigianato Puglia

Confcooperative Puglia

Consulta Nazionale Antiusura

Federazione dei Consultori Familiari di ispirazione cristiana di Puglia

Federvita Puglia

FIMMG - Federazione Italiana Medici di Medicina Generale -Bari

Fondazione antiusura “San Nicola e Santi Medici”- Bari

Forum delle Associazioni Familiari della provincia di Bari

Forum delle Associazioni Familiari della provincia di Brindisi

Forum delle Associazioni Familiari della provincia di Lecce

Forum delle Associazioni Familiari della provincia di Taranto

Forum delle associazioni familiari di Foggia

Istituto Salesiano “Redentore” Bari

MCL Puglia

Movimento “Famiglie nuove” - Puglia

Movimento “Vivere in”

OFS Puglia

Rinnovamento nello Spirito - Puglia

UCID Puglia

UCIIM Puglia

UCIPEM Puglia

UGCI Puglia

(*) Il Cartello nazionale “Insieme contro l‘azzardo “ è composto da: Consulta Nazionale Antiusura, 30 Fondazioni antiusura, Forum nazionale delle Associazioni Familiari, Caritas nazionale, Azione Cattolica Italiana, Organismi sociali della Conferenza Episcopale Italiana, SOS Impresa, Adiconsum, Associazione nazionale contro le Dipendenze, Associazione nazionale Genitori Scuole cattoliche, Lega delle Autonomie, Comunità di accoglienza “Giovanni XXIII”, Coop. Migrantesliberi – Sportello “Vinco Io”.

Bari, 26 giugno 2018

 

In data 10 luglio 2018 si apprende che il Consiglio regionale della Puglia ha approvato una mozione con la quale si intende "indire Conferenze regionali sulla famiglia ed elaborazione di Piano Regionale delle Politiche Familiari". Con la mozione a firma dei consiglieri della minoranza, - informa una nota dell'ufficio stampa del Consiglio regionale - si impegnano il presidente della Regione e la giunta regionale ad indire in tempi rapidi la Conferenza regionale sulla famiglia aprendo un tavolo di discussione con il Forum delle Associazioni Familiari di Puglia, le sigle sindacali e le associazioni di categoria al fine di individuare le misure necessarie a sostenere le famiglie pugliesi, ad aumentare il tasso di natalità, a migliorare l'occupazione lavorativa e professionale, nonché a contrastare, in primis, il precariato giovanile e no. Si chiede altresì alla giunta regionale di predisporre un Piano Regionale per la Famiglia, che rispetti le istanze provenienti dal mondo associativo emerse nel corso dei suddetti incontri. Il presidente della giunta, anche per il tramite della Conferenza Stato-Regioni, dovrà chiedere un intervento al Governo Centrale al fine di predisporre misure specifiche a sostegno della natalità e delle famiglie italiane.(ANSA).

 

Prossimi eventi