Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Editoriali

VII Domenica del Tempo Ordinario anno C. La “differenza cristiana”

Solo amando gli altri senza reciprocità, facendo del bene senza calcolare un vantaggio e donando con disinteresse senza aspettare la restituzione, si vive la “differenza cristiana”. In questo comportamento c’è il conformarsi del discepolo al Dio di Gesù Cristo, quel Dio che Gesù ha narrato come amoroso, capace di prendersi cura dei giusti e dei peccatori, dei credenti e degli ingrati. Se Dio non condiziona il suo amore alla reciprocità, ma dona, ama, ha cura di ogni creatura, anche il cristiano dovrebbe comportarsi in questo modo nel suo cammino verso il Regno, in mezzo all’umanità di cui fa parte

VI Domenica del Tempo Ordinario anno C. Beatitudini e guai

Lasciamo che le beatitudini ci interroghino, che ci feriscano al cuore e cerchiamo di non essere scandalizzati dal loro radicalismo: le beatitudini non sono etica e morale, ma sono rivelazione, sono annuncio da accogliere o rigettare, esprimono la logica e la dinamica del regno di Dio. Quel Regno che noi dobbiamo cercare per prima cosa nella consapevolezza che Gesù è la buona notizia, il Vangelo di Dio per noi. Anche i “guai” non sono maledizioni, ma sono un richiamo a mutare strada, a cambiare mentalità e comportamenti, sono un vero invito alla vita autentica e piena

V Domenica del Tempo Ordinario anno C. “Sulla tua parola getterò le reti”

Quando Gesù chiama, trasforma quello che facciamo, e questa trasformazione richiede un abbandono di ciò che eravamo e una novità di vita, di forma di vita, nel futuro che si apre davanti a noi. Siamo chiamati ad avanzare verso le acque profonde, verso l’abisso, senza timore, muniti solo della fiducia nella parola di Gesù

IV Domenica del Tempo Ordinario anno C. Gesù, profeta perseguitato

“Nessun profeta è bene accetto nella sua patria”: Gesù lo dice con rincrescimento per il rifiuto patito ma anche con una gioia interiore indicibile, perché da quel rifiuto riceve una testimonianza. Lodandolo per le sue parole di grazia non gli davano testimonianza, ma ora, rigettandolo, sì: perché questo accade a chi è profeta, a chi porta sulla sua bocca una parola di Dio e la consegna a chi ascolta. Gesù dunque riceve la testimonianza dello Spirito che sempre lo accompagna e che gli dice: “Tu sei veramente profeta, per questo conosci il rigetto!”

III Domenica del Tempo Ordinario anno C. L’oggi di Dio

Oggi è per ciascuno di noi sempre l’ora per ascoltare la voce di Dio, per non indurire il cuore e poter così cogliere la realizzazione delle sue promesse. La parola di Dio nella sua potenza risuona sempre oggi. Oggi, dunque, si ascolta e si obbedisce alla Parola o la si rigetta; oggi si decide il giudizio per la vita o per la morte delle nostre vicende; oggi è sempre parola che possiamo dire come ascoltatori autentici di Gesù. E possiamo dirla anche dopo un passato di peccato: “Oggi ricomincio”, perché la vita cristiana è andare di inizio in inizio attraverso inizi che non hanno mai fine

II Domenica del Tempo Ordinario anno C. Andare a Cana

Siamo sempre invitati al banchetto di Cana, per essere noi coinvolti in questo incontro tra Cristo, Signore e Sposo, e la sua comunità. Si tratta di andare a Cana, di cercare di vedere con occhi di fede, di ascoltare le parole della fede, di eseguire le parole dette da Gesù, di gustare il vino del Regno e di toccare, sì di toccare il corpo di Gesù. Allora sentiremo che lui è in attesa di bere presto con noi il vino nuovo del Regno: l’ha bevuto sulla terra, l’ha lasciato a noi in dono eucaristico, ma lo berrà di nuovo con noi nella terra nuova, nel cielo nuovo

Battesimo del Signore

Il Battesimo di Gesù è innanzitutto la festa che ci dice che Gesù si è voluto immergere (battesimo in greco deriva appunto da "immersione") condividendo la nostra umanità, la nostra storia, camminando insieme a noi!

Epifania del Signore

Con i magi siamo chiamati a metterci in cammino verso la Luce, aprendo con stupore la nostra mente alla conoscenza del mistero nascosto nel cuore di Dio e finalmente rivelato: la strada che porta a Gesù è una via di comunione aperta a tutte le genti, non importa da quale distanza o diversità provengano

Maria Santissima Madre di Dio. Tacerlo era diventato impossibile

Un nome-benedetto è anche la prima benedizione dell'anno, la prima raccomandata da Dio a Mosè: «Ti benedica il Signore e ti custodisca. Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia. Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace»

Prossimi eventi