Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Indice degli articoli

Papa: come i Magi con coraggio apriamo il cuore a Gesù

All'Angelus nella Solennità dell'Epifania, Francesco rilancia la gioia dell'incontro con Gesù, Dio fatto uomo, "novità sorprendente della storia" e "dono per tutti" vicini e lontani, e invita ad essere perseveranti, generosi e coraggiosi come sono stati i Magi

Il Papa: "Per trovare Gesù bisogna scegliere la via dell'amore umile"

Come i Magi, arrivati dall'Oriente, una volta incontrato il Bambino tornano indietro seguendo un itinerario diverso, così anche noi dobbiamo cambiare percorso e incamminarci lungo la strada alternativa al mondo, quella di Giuseppe, Maria e i pastori. La riflessione del Pontefice all'omelia - di cui pubblichiamo il testo integrale - della celebrazione eucaristica nella Basilica di San Pietro

I Magi, quel bimbo e il re crudele: la vera storia dell'Epifania

Su Tv2000, domenica 6 gennaio, alle 7,30, va in onda l'ultima puntata della serie "E il Verbo si fece carne". La pagina del Vangelo è commentata dal vescovo di Grosseto, monsignor. Rodolfo Cetoloni. L'analisi storico-biblica è curata da padre Alberto Joan Pari, frate francescano della Custodia di Terra Santa. Il reportage per Famiglia Cristiana della conduttrice del programma, Cristiana Caricato

Gmg 2019, don Falabretti (Cei): “Tempo di verifica per giovani e adulti. Nello zaino il ricordo dell’incontro di agosto con Francesco”

Tutto pronto o quasi per la spedizione italiana per la Gmg di Panama: circa 900 i giovani azzurri guidati da 15 vescovi, tra i quali il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei. A raccontare al Sir il primo grande evento ecclesiale di questo 2019 è don Michele Falabretti, responsabile del Servizio nazionale per la pastorale giovanile (Snpg)

Papa Francesco: i Magi, cuori nostalgici di Dio

La luce della stella, il cammino dei Magi, l’offerta dei doni a Gesù che a noi regala la sua vita. Sono i temi sui quali Papa Francesco si è soffermato nelle omelie delle Messe celebrate nella Solennità dell’Epifania del Signore dall’inizio del suo Pontificato

Marcia della pace: da Matera il “No” a odio, divisioni e violenza

Più di mille fiaccole hanno illuminato le strade di Matera in occasione della 51ª Marcia nazionale per la pace, l’appuntamento nell’ultimo dell’anno promosso da Pax Christi, Caritas, Ufficio nazionale per i problemi sociali e del lavoro della Cei, Azione Cattolica e quest’anno insieme all’arcidiocesi di Matera-Irsina

Messaggio Cei per l’Irc: “Occasione di ascolto delle domande più profonde e autentiche”

L’Irc è il luogo più specifico in cui, nel rigoroso rispetto delle finalità della scuola, si può affrontare un discorso su Gesù. Come insegna papa Francesco, non si tratta di fare proselitismo, ma di offrire un’occasione di confronto per lasciare che ognuno possa, nell’intimo della propria coscienza, trovare risposte convincenti. Ci auguriamo che anche quest’anno siano numerosi gli alunni che continueranno a fruire di tale offerta educativa, finalizzata ad accompagnare e sostenere la loro piena formazione umana e culturale

Papa Francesco: «Non pregate da atei»

Il Pontefice nella prima udienza generale dell'anno introduce la preghiera del Padre nostro spiegando che Dio non ha bisogno di tante parole, ma di cuori aperti che non odino gli altri. Non si può andare in chiesa tutti i giorni e sparlare di tutti

Papa: la Madonna non è un optional

Papa Francesco, nella Messa per la solennità di Maria Santissima Madre di Dio, sottolinea che, grazie alla Vergine, "Dio si è legato all'umanità per sempre". Il suo sguardo ci ricorda che "per la fede è essenziale la tenerezza" argine alla tiepidezza, il suo abbraccio è rimedio alla solitudine e la sua mano ci conduce sulle vie del bene

Maria, "tessitrice" della divinità

“Maria Madre di Dio” è il titolo col quale la Chiesa venera e celebra la Madonna il primo gennaio di ogni anno. Un nome che da duemila anni ha ispirato i pensatori cristiani sulla straordinaria esperienza che ha permesso a Dio di scendere in terra perché l’uomo raggiungesse “le stelle”

Papa Francesco: ancora oggi ci sono forme indegne di schiavitù, anche a Roma

Nella Basilica Vaticana, il Pontefice presiede i primi vespri della Solennità di Maria Santissima Madre di Dio e riflette sulle odierne condizioni di schiavitù. Alla liturgia seguono l’esposizione del Santissimo Sacramento e il tradizionale inno Te Deum di ringraziamento a conclusione dell’anno civile. Al termine della celebrazione, dopo una sosta in medicheria, Papa Francesco prega davanti al Presepe in piazza San Pietro

L'angoscia di essere lontani da Dio

Papa Francesco sottolinea che, come Maria e Giuseppe, «dovremmo provare angoscia quando per più di tre giorni ci dimentichiamo di Gesù, senza pregare, senza leggere il Vangelo, senza sentire il bisogno della sua presenza e della sua consolante amicizia. E tante volte passano giorni senza che io ricordi» Gesù, questo è brutto

Santi e Beati del 2018: doni dell’amore di Dio alla Chiesa

L’anno che sta per chiudersi è stato prodigo dell’amore di Dio che ha donato alla Chiesa molti nuovi Santi e Beati, chiamati con il loro esempio a illuminare le vite di ognuno di noi. Ben 19 le cerimonie di beatificazione nel 2018 e 7 i nuovi Santi canonizzati il 14 ottobre scorso in piazza San Pietro

Messaggio del Papa per il 41.mo Incontro europeo dei giovani di Taizé

Il Papa chiede ai 15 mila giovani riuniti a Madrid dal 28 dicembre al 1° gennaio per il 41° Incontro europeo, organizzato dalla Comunità ecumenica di Taizé, di farsi “prossimi a questa umanità ferita e a coloro che sono messi allo scarto, rigettati ed esclusi, piccoli e poveri!”

Incontro di Taizé a Madrid. Fr. Alois, “una civiltà dell’ospitalità è possibile”

Dal 28 dicembre al 1° gennaio 15mila giovani hanno accolto l’invito di Taizé a partecipare a Madrid al 41° Incontro europeo che quest’anno ha come tema: “Non dimentichiamo l’ospitalità!”. Fr. Alois al Sir: “Viviamo in un’epoca in cui le paure si ingrandiscono, le frontiere si chiudono. Ma nessuna società può vivere senza fiducia e il nostro pellegrinaggio di fiducia sulla terra vuole semplicemente essere un segno di speranza. La speranza che una civiltà di ospitalità è possibile”

Urbi et Orbi. Papa: anche se diversi, viviamo come fratelli in umanità

E’ un augurio di fraternità per il mondo quello che il Papa ha rivolto stamani nel tradizionale Messaggio natalizio al termine del quale ha impartito la Benedizione Apostolica “Urbi et Orbi”. Francesco ha ricordato diversi Paesi del mondo, bisognosi di pace e riconciliazione, e ha rivolto un pensiero particolare ai cristiani che festeggiano il Natale in contesti ostili, auspicando che tutte le minoranze possano veder riconosciuta la libertà religiosa

Vivere il Natale e non celebrarlo come abitudine

​In una stagione in cui doni universali come la pace e l’unità, la convivenza fiduciosa e la solidarietà sembrano smarriti nell’aggrovigliarsi di paure, il Natale può e deve essere il luogo, il momento privilegiato per riaffermare la buona notizia della fraternità su questa terra, dono di Dio per il bene di tutti, tesoro che a lui solo appartiene e che noi umani possiamo solo condividere nella giustizia, nella pace, nella benevolenza reciproca

Prossimi eventi