Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Indice degli articoli

Il Papa: Dio aiuti i governanti, siano uniti nei momenti di crisi per il bene dei popoli

Nella Messa a Santa Marta, Francesco prega per i governanti che hanno la responsabilità di prendersi cura dei popoli. Nell'omelia, afferma che nei momenti di crisi bisogna essere molto fermi e perseveranti nella convinzione di fede, non è il momento di fare cambiamenti: Il Signore ci invii lo Spirito Santo per essere fedeli e ci dia la forza di non vendere la fede

"Diversamente praticanti": il nuovo inno alla Fede dal Monastero

Dal Monastero del Carmelo una nuova lettera che non vuole inserirsi nella polemica tra CEI e Governo, ma vorrebbe indirizzare lo sguardo della gente verso le cose positive che questo periodo ha fatto emergere. La proponiamo con piacere e con la convinzione che permette di riflettere sulla Fede oggi, in tempo di Covid-19

"L'arma" dei figli per superare le prove

Il Rosario, un aiuto concreto per attraversare le avversità di questo tempo segnato dalla pandemia di coronavirus e da tutte le sue conseguenze. Ne parla nell’intervista Suor Daniela Del Gaudio, docente di mariologia

Primo maggio: la Chiesa affida l’Italia a Maria

Nel Santuario di Santa Maria del Fonte di Caravaggio, oggi atto di affidamento dell'Italia alla Madre di Dio in questo tempo di pandemia. L'iniziativa è stata indetta dalla Conferenza episcopale italiana. Intervista con monsignor Antonio Napolioni, vescovo di Cremona

Ecco perché maggio è il mese di Maria

Maggio è tradizionalmente il mese dedicato alla Madonna. Dal Medio Evo a oggi, dalle statue incoronate di fiori al magistero dei Papi, l'origine e le forme di una devozione popolare molto sentita

Rimbocchiamoci le maniche

Popoli e Missioni: "ci auguriamo che, da questa crisi globale, il mondo rinasca migliore, ma anche che la Chiesa possa trovare rinnovata forza evangelizzatrice. E in questo percorso di rinnovamento il mondo missionario è disponibile e pronto a mettere a frutto la sua esperienza"

Esequie: la risposta del Ministero dell’Interno al quesito sottoposto dalla Segreteria Generale della CEI. La nota complementare con alcune misure cui ottemperare con cura

Pubblichiamo la risposta del Ministero dell’Interno al quesito sottoposto dalla Segreteria Generale della Conferenza Episcopale Italiana e concernente la celebrazione esequiale a seguito dell’emanazione delle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Le disposizioni entrano in vigore da lunedì 4 maggio 2020, come da DPCM dello scorso 26 aprile. A complemento del testo del Ministero dell’Interno, concernente la celebrazione delle esequie, la Segreteria Generale della CEI indica alcune misure cui ottemperare con cura nel rispetto della normativa sanitaria.

«Io, prete, ho visto tanta gente morire col virus e sulle Messe dico: siamo cauti»

La riflessione di don Claudio Del Monte, cappellano della clinica Humanitas Gavazzeni e parroco di Santa Croce a Bergamo: «Ho paura che riparta il contagio. Siamo in grado di distribuire la comunione senza contatto? Chi sanifica dopo ogni funzione la chiesa visto che prima le pulizie le facevano gli anziani ora a rischio? Io dovrei limitare l’accesso in chiesa: con quale criterio dire sì a uno e no all’altro?»

La preghiera speciale del Papa per le vittime anonime della pandemia

Nella Messa a Santa Marta, Francesco pensa a quanti sono morti a causa del Covid-19, pregando in particolare per i morti senza nome, sepolti nelle fosse comuni. Nell'omelia, ha ricordato che annunciare Gesù non è fare proselitismo ma testimoniare la fede con la propria vita e pregare il Padre che attiri le persone al Figlio

Santa Caterina, da analfabeta a consigliera di principi e papi

Non andò a scuola, imparò da sola a leggere e scrivere anche se preferì dettare i suoi capolavori. A 16 anni entrò nell'ordine domenicano delle "Mantellate" e quando si diffuse la sua fama dava consigli spirituali a nobili, uomini politici ed ecclesiastici, compreso papa Gregorio XI, che invitò a lasciare Avignone e tornare a Roma. Nel 1970 è stata proclamata dottore della Chiesa da Paolo VI

Francesco: troppi i cristiani perseguitati, ma attenzione ai compromessi

“Beati coloro che sono perseguitati a causa della giustizia, perché di essi è il regno dei Cieli”. E’ l’ultima delle Beatitudini su cui il Papa riflette all'udienza generale. Ma avverte che anche i cristiani possono essere fonte di disprezzo quando perdono "il sapore di Cristo e del Vangelo”

Il Papa: l’Europa sia unita e fraterna

Nella Messa a Santa Marta, Francesco, ricordando la festa odierna di Santa Caterina da Siena, Patrona d’Europa, prega per l'unità dell'Europa e dell’Unione Europea, perché tutti insieme possiamo andare avanti come fratelli. Nell’omelia, invita a chiedere al Signore la grazia della semplicità e dell'umiltà per confessare i propri peccati concreti e così trovare il perdono di Dio

“Non trasferire il pulpito in rete ma aprirsi al dialogo”

"La Chiesa si rimetta in cammino al fianco della gente e in particolare dei più poveri. C’è una ricerca di fede profonda, sganciata dal ritualismo sacramentario, di impegno in una comunità che viva i valori del vangelo in modo credibile in un contesto sempre più dominato dall’economia e dalla tecnologia". Parla don Fabio Pasqualetti, decano della Facoltà di Scienze della Comunicazione (Fsc) dell'Università Pontificia Salesiana

Il Papa: il Signore dia prudenza al suo popolo di fronte alla pandemia

Nella Messa a Santa Marta, Francesco prega perché il popolo di Dio sia obbediente alle disposizioni per la fine della quarantena perché la pandemia non torni. Nell'omelia, invita a non cadere nel piccolo linciaggio quotidiano del chiacchiericcio che provoca falsi giudizi sulle persone

DPCM, la posizione della CEI

I Vescovi italiani non possono accettare di vedere compromesso l’esercizio della libertà di culto. Dovrebbe essere chiaro a tutti che l’impegno al servizio verso i poveri, così significativo in questa emergenza, nasce da una fede che deve potersi nutrire alle sue sorgenti, in particolare la vita sacramentale

San Marco “lo stenografo” di Pietro

Dell’evangelista Marco, nato da famiglia ebrea benestante, si sa soltanto quanto riferiscono gli Atti degli Apostoli e alcune lettere dei santi Pietro e Paolo

I Papi e la preghiera del Rosario

Pregare il Rosario in tempo di isolamento, a casa, in famiglia: è l’invito di Papa Francesco per questo maggio 2020. Un’immersione nel Vangelo per una preghiera popolare plurisecolare

Prossimi eventi