Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Indice degli articoli

Il decalogo del buon comunicatore

Nasce la Carta di Assisi per un giornalismo all'insegna del rispetto della persona, firmata anche da vari esponenti delle religioni monoteistiche. Un libro della San Paolo ne approfondisce i contenuti, rivelandosi un prezioso strumento non solo per i professionisti ma anche per chi utilizza i "social"

Papa Francesco e i tre ecumenismi

Incontrando il santo Sinodo della Chiesa ortodossa bulgara il Pontefice ha ricordato quello del sangue che unisce i martiri cristiani di ogni confessione, e ha proposto come via subito praticabile quello “del povero” e quello “della missione”

"I miracoli avvengono quando si è capaci di condividere"

Papa Francesco, nella chiesa del Sacro cuore, celebra la messa con 245 prime comunioni e ricorda ai bambini che "ci sono miracoli che possono accadere solo se abbiamo un cuore come il vostro, capace di condividere, di sognare, di ringraziare, di avere fiducia e di onorare gli altri"

Azione cattolica: “Apparteniamo tutti a una sola universale famiglia, quella umana”

“Un popolo per tutti. Riscoprirsi fratelli nella città”. Questo il titolo del convegno delle presidenze diocesane dell’Azione cattolica italiana (Ac), che si è svolto dal 3 al 5 maggio a Chianciano Terme (Si). Oltre 600 i partecipanti, impegnati a riflettere “sul tema della fraternità come categoria unificante, attraverso la quale l’Ac intende declinare il tema del popolo ‘civile’ poiché ‘il primo nome di cristiani è fratelli’”

Papa: diffondete la coscienza di una rinnovata solidarietà internazionale

Udienza con Papa Francesco, stamattina nella Sala Clementina in Vaticano, per la Plenaria della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, una cinquantina di esperti di tutto il mondo, riunita dal 1 al 3 maggio per riflettere su un tema di grande attualità: “Nazione, Stato; Stato Nazione”. Per il Papa "sembra aprirsi una nuova stagione di confronto nucleare inquietante"

Papa Francesco spiega il "Non ci indurre in tentazione"

All'Udienza generale, il Pontefice spiega la penultima invocazione del Padre nostro tradotta dal greco con "Non ci indurre in tentazione". "Comunque si comprenda il testo", afferma, "dobbiamo escludere che sia Dio il protagonista delle tentazioni che incombono sul cammino dell’uomo"

Papa: preghiamo per chi non lavora, è una tragedia mondiale

Concludendo l'udienza generale, il Papa ha parlato della festa di San Giuseppe lavoratore ricordando il dramma della disoccupazione mondiale. Francesco ha tenuto un'altra udienza generale il primo maggio: era il 2013, primo anno del suo pontificato. In quell'occasione aveva ribadito che il lavoro è fondamentale per la dignità della persona

Libia. Sant’Egidio e Fcei al premier Conte: “L’Europa apra un corridoio umanitario per 50mila profughi”

Dopo l’appello del Papa domenica scorso al Regina Coeli per i profughi in Libia, Comunità di Sant’Egidio e Federazione delle chiese evangeliche in Italia hanno scritto una lettera al premier Conte per chiedere l’immediata apertura di un corridoio umanitario europeo. Luca Negro e Marco Impagliazzo spiegano al Sir l’iniziativa: “Sappiamo quanto il presidente Conte sia sensibile. Lo ha dimostrato in altre occasioni. Conosce bene la questione libica, essendosene occupato personalmente. Speriamo che vista la drammaticità della situazione, la risposta arrivi al più presto”

Papa: lo Spirito Santo sia il protagonista della nostra vita

Lo Spirito Santo ci fa risorgere dai nostri limiti e dalle nostre morti, bisogna lasciargli spazio nella nostra vita. E' l'esortazione che stamani il Papa rivolge, nell'omelia della Messa a Casa Santa Marta, ricordando anche che non può esserci vita cristiana senza lo Spirito Santo

Ecco perché maggio è il mese di Maria

Maggio è tradizionalmente il mese dedicato alla Madonna. Dal Medio Evo a oggi, dalle statue incoronate di fiori al magistero dei Papi, l'origine e le forme di una devozione popolare molto sentita

Santa Caterina, da analfabeta a consigliera di principi e papi

Non andò a scuola, imparò da sola a leggere e scrivere anche se preferì dettare i suoi capolavori. A 16 anni entrò nell'ordine domenicano delle "Mantellate" e quando si diffuse la sua fama dava consigli spirituali a nobili, uomini politici ed ecclesiastici, compreso papa Gregorio XI, che invitò a lasciare Avignone e tornare a Roma. Nel 1970 è stata proclamata dottore della Chiesa da Paolo VI

Dalla Sindone al Volto di Manoppello: alla scoperta delle reliquie di Cristo

Il volume "Testimoni del Mistero. Le reliquie di Gesù" è una ricerca, frutto della collaborazione di storici e scienziati, che indaga le reliquie legate alla passione, morte e sepoltura di Cristo, scavando tra gli enigmi che ancora albergano nella comunità scientifica. Tra quelle studiate e fotografate nel volume, sono presenti la Sacra Sindone di Torino, la croce, i chiodi, la corona di spine, la colonna della flagellazione, la tunica di Cristo, il Volto Santo di Manoppello, il sudario di Oviedo

Papa al Regina Caeli: tocchiamo in chi soffre le piaghe di Gesù

Papa Francesco, nella domenica della Divina Misericordia, ricorda i doni di Gesù risorto ai discepoli, e quindi a noi: pace, gioia e missione. E se non siamo in pace, come Tommaso, ci invita a visitare la gente che soffre, “che è il simbolo delle piaghe di Gesù”, dalle quali scaturisce la misericordia

Domenica di Pasqua, la gioia della Resurrezione

Oltre a essere la più grande solennità per tutti i cristiani, centro dell’interno anno liturgico, la Pasqua di Resurrezione è anche il culmine della Settimana Santa e l’avvio di un tempo nuovo, che prosegue con l’Ottava di Pasqua e si conclude dopo 50 giorni con la Pentecoste

Papa a Urbi et Orbi: ponti non muri, né indifferenza per ingiustizie nel mondo

Nel corso della tradizionale benedizione Urbi et orbi nel giorno di Pasqua, il Papa pensa alle tante sofferenze del nostro tempo: dal Medio Oriente ai Paesi africani, dagli Stati del continente americano che vivono “difficili” situazioni politiche ed economiche al proliferare delle armi, senza dimenticare i poveri e gli emarginati

Veglia Pasquale. Papa: non seppelliamo la speranza, basta con psicologia del sepolcro

Nella Basilica Vaticana, il Pontefice presiede la Veglia Pasquale nella Notte Santa. Dopo la benedizione del fuoco nuovo nell’atrio, la processione con il cero pasquale e il canto dell’Exsultet, presiede la Liturgia della Parola, la Liturgia Battesimale e la Liturgia Eucaristica. Amministrati i sacramenti dell’iniziazione cristiana a 8 neofiti, provenienti da Italia, Ecuador, Perù, Albania e Indonesia

Prossimi eventi