Arcivescovo

S.E. Francesco

Cacucci

IN AGENDA

Indice degli articoli

Uniti per far fronte al coronavirus: il messaggio del Patriarca Kirill

L’Osservatore Romano riporta oggi il tradizionale messaggio del Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill al Papa e ai responsabili delle Chiese non ortodosse. L’invito è di aiutare insieme “quelli che soffrono ingiustizie, che sono perseguitati o minacciati dalla diffusione dell’infezione da coronavirus”

Il Papa: coronavirus, politici e scienziati trovino soluzioni a favore dei popoli, non del denaro

Nella Messa a Casa Santa Marta, Francesco prega perché i governanti e gli scienziati trovino la strada giusta alla crisi causata dal Covid-19, soluzioni che siano a favore della gente. Nell'omelia, afferma che la scelta sarà tra la vita dei popoli e il dio denaro. Se si sceglie il denaro, si sceglie la via della fame, della schiavitù, delle guerre, delle fabbriche delle armi, dei bambini senza educazione. Il Signore, è la preghiera del Papa, ci aiuti a scegliere il bene della gente

Pasqua, la Messa di Francesco nella Basilica vuota

L’annuncio della sconfitta della morte si è rinnovato nella Messa solenne di questa Pasqua 2020 che il mondo non potrà mai dimenticare. Attraverso il Triduo vissuto nelle restrizioni a causa della pandemia, Papa Francesco ci ha condotto per mano fino alla Domenica in cui la promessa diventa certezza perchè “Cristo è risorto, è davvero risorto”

Il Papa: il Risorto ci dona il diritto ad una speranza nuova

Nella Veglia pasquale nella Notte santa, Papa Francesco eleva un inno alla vita, che Dio fa uscire “persino dalla tomba”. L'invito è a non cedere alla rassegnazione e a chiedere a Gesù di incoraggiarci “nelle nostre paure”. Solo con Lui, davvero, “tutto andrà bene”. I cristiani si facciano “annunciatori di vita in tempo di morte”, si fermino le guerre e gli aborti

Sabato Santo. Ermes Ronchi: “E’ il tempo del silenzio, del desiderio e dell’attesa”

Ora siamo in esilio, ma un giorno tutti gli abbracci non dati saranno dati. Nel frattempo serbiamo da parte affetti, sorrisi, carezze. La Pasqua sarà anche questo. Intanto oggi, tempo di silenzio e attesa di una nuova aurora che quest'anno sarà diversa da tutte le altre, il teologo invita a porsi la domanda più grande: "Che cosa cerchiamo e che cosa desideriamo realmente?"

La preghiera silenziosa del Papa alla Via Crucis in San Pietro

In una piazza San Pietro vuota ma illuminata dalle fiaccole e dalla croce di Gesù, Papa Francesco presiede la Via Crucis, tenutasi per la prima volta dal suo magistero non al Colosseo, a causa del coronavirus. Al centro delle meditazioni il dolore e la speranza di tanti invisibili che non si rassegnano al male

Papa alla Via Crucis: da solo in silenzio sul sagrato, guardando il Crocifisso

Per la prima volta in sette anni di pontificato, il Papa guida la Via Crucis non dal Colosseo, ma dal sagrato della basilica di San Pietro, in una piazza ancora una volta deserta a causa delle misure restrittive imposte dal coronavirus. Le 14 meditazioni, scritte dalla comunità del carcere "Due Palazzi" di Padova, sono storie vere, ma in forma anonima. La preghiera silenziosa di Francesco, davanti al Crocifisso di San Marcello al Corso

«Tornare a essere egoisti, a costruire muri è la recessione che dobbiamo temere di più»

«I flagelli non sono castighi di Dio, Dio è nostro alleato, prende su di sé il nostro dolore e ci sprona a trarre il bene da ogni male». Padre Cantalamessa spiega il Vangelo di Giovanni che racconta la passione e invnita lla solidarietà. «Questo è anche il tempo di fermare la corsa agli armamenti e pensare a ciò che è importante: la salute, la lotta alla povertà, la cura dell'ambiente»

La Notte che rompe il silenzio della morte

Culmine e centro della vita cristiana è la Pasqua che sarà vissuta dolorosamente, quest’anno, senza la presenza dei fedeli in tanti Paesi del mondo, ma che continua a venire in cerca del cuore dell’uomo

Prossimi eventi